Breaking news

Sei in:

Medici veneti: «Verifiche sull’intramoenia? Sempre utili, nessun problema»

Non sono affatto preoccupati i medici per i controlli annunciati dalla Guardia di finanza sull’attività intramoenia. «Per noi non è un problema – dice Salvatore Calabrese, segretario regionale dell’Anaao (sindacato degli ospedalieri) -le aziende eseguono già le verifiche che ritengono opportune e comunque sono loro a organizzare la libera professione.

Per le prenotazioni devono essere predisposti linee telefoniche, personale addetto alle prenotazioni e agende diversi, proprio per evitare l’involontario invito a scegliere visite a pagamento.

Questo tipo di organizzazione, che contempla accessi diversi per l’attività istituzionale e l’intramoenia è in vigore da sempre, noi l’abbiamo accettata e condivisa. Ispezioni da parte degli organi dello Stato non ci creano alcun disagio, anche perchè le eventuali carenze di sistema non sarebbero imputabili ai medici ma a chi gestisce l’organizzazione».

Ma sul fronte delle aziende regna uguale serenità.

Tra i direttori generali spicca lo spirito di inventiva di Renato Mason, guida dell’Usl 8 di Asolo, che telefona con regolarità al proprio Cup per capire quanto deve attendere in linea un paziente, come viene trattato dall’operatore, se le informazioni che riceve siano sufficientemente chiare e così via.

«E non mi limito a questo – rivela il manager – due o tre volte al mese mi siedo nelle sale d’aspetto degli ambulatori per testare

il grado di soddisfazione degli utenti. E’ l’esperienza più “formativa” che esista.

Quanto alla strumentazione diagnostica, è un mio pallino dal momento dell’insediamento: effettuo controlli a campione sulla produttività dei macchinari e prima di comprarne uno nuovo chiedo una scheda tecnica al primario che l’ha richiesto. Non esiste che un presidio da 200 mila euro sia usato 4 ore a settimana. Ben vengano dunque ulteriori accertamenti».

Critico Umberto Iazzetta, presidente regionale di Cittadinanzattiva, a capo degli sportelli del Tribunale del malato: «Molti pazienti si rivolgono a professionisti privati anche per i lunghi tempi di attesa, e non sempre se lo possono permettere. Se la libera professione si svolge come prevede la legge, senza proroghe e nelle strutture pubbliche, tutto diventa più semplice ed evadere un po’ più difficile.

Viviamo una stagione di cambiamenti, oltre 9 milioni di italiani rinunciano alle cure per ragioni economiche, e il solco delle disuguaglianze si approfondisce sempre di più. Sì dunque a tutte le iniziative utili a recuperare un’evasione vergognosa».

Corriere del Veneto – 21 luglio 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top