Breaking news

Sei in:

Noi la pensiamo così
 

  • Usl 22: servizi veterinari costretti a fare le liste di attesa. Dal primo aprile ferme le auto private

    logo-sivempTurnover bloccato e nuove regole restrittive per l’uso dell’auto. E dal primo aprile i veterinari fermano i mezzi propri con cui fino ad ora hanno assicurato il servizio. Poggiani (SIVeMP): «Garantire personale e mezzi per evitare disagi ai cittadini». Anche per le prestazioni veterinarie ora si inaugurano le famigerate liste d’attesa. Succede all’Usl 22 di Bussolengo dove la mancata sostituzione dei dipendenti del servizio veterinario andati in pensione negli ultimi anni e la stretta sull’uso delle auto private stanno creando difficoltà operative tali da costringere il personale, pesantemente sottorganico, a garantire prioritariamente le attività a carattere d’urgenza e solo successivamente tutte le altre. Ma come si è arrivati alle liste di attesa, situazione che in Veneto, in campo veterinario, non si era mai verificata?

  • Tavolo tecnico Pssr. Poggiani: alcune indicazioni FVM recepite, ma priorità personale e risorse

    regione-veneto-leoneSi è riunito questa mattina a Palazzo Molin il tavolo tecnico permanente per la predisposizione del Piano socio sanitario 2011-2013, cui ha preso parte anche il segretario regionale della Federazione veterinari e medici (FVM), Roberto Poggiani. Dopo l’inspiegabile esclusione dalla riunione di insediamento dello scorso primo febbraio e il telegramma di richiesta di chiarimenti inviato all’assessore Luca Coletto, l’FVM è stata invitata a collaborare ai lavori del tavolo tecnico. Lavori che da questo momento si intensificheranno con una sorta di no stop che prevede, come ha annunciato il segretario generale alla sanità, Domenico Mantoan, riunioni del tavolo ogni lunedì con la stessa composizione odierna.

  • «La tutela dei diritti dei convenzionati è un dovere del sindacato»

    roberto_poggianiAlcune settimane fa abbiamo doverosamente ricordato agli iscritti convenzionati che, in base alle nuove regole introdotte della legge 183 del 2010 (il cosiddetto collegato lavoro), era fissato una data limite, il 24 gennaio scorso, per “bloccare” i termini di prescrizione o di decadenza e chiedere il riconoscimento del lavoro subordinato a tempo indeterminato e le differenze retributive e contributive maturate per i contratti scaduti. Dopo quella data questo non sarebbe più stato possibile e il lavoratore avrebbe perso per sempre quel diritto. Il rischio era che molte delle persone interessate non fossero a conoscenza della norma che era stata scarsamente pubblicizzata dal Governo.

  • Tavolo tecnico Pssr, Poggiani a Coletto: esclusione Fvm è inaccettabile

    logo_home_fvmL’assessore alla sanità della Regione Veneto, Luca Coletto, con nota dello scorso 25 gennaio, ha chiamato a far parte di un tavolo tecnico permanente, che si insedia questa mattina a Palazzo Molin, una rappresentanza di Usl, parti sociali, sindacati e volontariato per la predisposizione del Pssr. I sindacati convocati sono Cgil, Cisl, Uil e, per la dirigenza, Anaao e Cimo. Nessuna traccia dell’Fvm, né, peraltro, delle altre sigle della dirigenza. Esclusione che riteniamo inaccettabile. Per questo motivo il segretario FVM del Veneto, Roberto Poggiani, ha indirizzato un telegramma di vibrata protesta all’assessore Coletto, chiedendo chiarimenti tempestivi. Di seguito riportiamo il testo del telegramma.

  • Con la nomina di Alessandro Salvelli si completa il quadro della veterinaria regionale

    venezia-palazzo-balbiSi riempie anche l’ultima casella prevista per la veterinaria dalla riorganizzazione delle strutture regionali. La Giunta ha infatti nominato responsabile dell’Unità complessa sanità animale e igiene alimentare, Alessandro Salvelli, attualmente direttore dei servizi veterinari dell’Ulss 22 di Bussolengo. Specializzato in ispezione degli alimenti di origine animale, Salvelli, andrà a ricoprire in Regione una posizione funzionale di fascia B. La relativa delibera, numero 2815, è stata approvata da Palazzo Balbi nella seduta di martedì 23 novembre (vedi in fondo). L’architettura regionale prevede, inoltre, due posizioni di fascia C, per Piero Vio e Michele Brichese, rispettivamente ai servizi di sanità animale e sicurezza alimentare, l’uno, e igiene e nutrizione acque e specie animali, l’altro.

  • Auto propria, nota Regione e interpretazione Dipartimento prevenzione Usl 20

    bollo_antara_prima822L’applicazione dell’articolo 6 comma 12 della legge 122 del luglio 2010, che stabilisce il mancato rimborso chilometrico ai dipendenti per l’utilizzo dell’auto propria in servizio, anche dopo la circolare del 22 ottobre della Ragioneria generale dello Stato, continua ad essere motivo di dubbi interpretativi da parte delle amministrazioni. Sollecitata a fornire indirizzi, la Regione Veneto ha inviato una nota in questo senso, il 26 novembre scorso, a firma dal segretario regionale per la sanità, Domenico Mantoan, ai direttori generali di Ulss, Iov, IZSVe e Arpav. Sulla stessa questione la nota chiarificatrice del direttore del Dipartimento di prevenzione dell’Ulss 20, Massimo Valsecchi, che individua le attività dello stesso Dipartimento per cui i dipendenti potranno utilizzare il mezzo proprio. Comprendendo tra esse le attività di ispezione, controllo e vigilanza ed atti ad esse correlati.

  • Buchi sanità e tagli personale? Le Asl puntano sui pensionati per “risparmiare”

    medici_di_spalle--400x300Stop al turnover, medici e veterinari che vanno in pensione non sostituiti, metà dei precari licenziati. È il quadro durissimo disegnato dalla manovra finanziaria. Per fortuna, però, mentre noi guardiamo con preoccupazione a un futuro, non lontano, di ospedali sguarniti e servizi in sofferenza a causa dei tagli draconiani operati dal Governo, ecco arrivare una “bella notizia”: ci sono i pensionati a tener alte le sorti della sanità veneta. Cronache ammiccanti di questi giorni ci raccontano che i “riservisti richiamati” costano molto meno dei dipendenti, sono pagati come liberi professionisti e rappresentano per le Asl un bel risparmio, visto che non bisogna pagargli i contributi previdenziali.

  • Un sito per comunicare il nostro lavoro. E confrontarci con gli altri

    roberto_poggianiNasce da oggi il sito del SIVeMP Veneto. Sappiamo di essere gli ultimi arrivati su un palcoscenico affollato, ma crediamo che esistano gli spazi per far sentire anche la nostra voce. La nostra aspirazione è diventare un punto di riferimento non solo per la categoria, ma anche per il mondo “esterno”, che molto spesso non conosce quali siano esattamente i compiti e le attività della veterinaria pubblica. Questo sito internet vuole essere una sorta di finestra “a doppio senso”, in cui le informazioni escono ed entrano. Uno strumento che, da un lato, ci consentirà di affacciarci sul mondo per registrare quello che avviene e, dall’altro, permetterà a chi sta “fuori” di percepire quanto passa per le nostre mani. E i suggerimenti saranno la nostra forza e la nostra ricchezza.

  • Gli interventi e le prese di posizione del SIVeMP Veneto

    Un sito per comunicare il nostro lavoro e confrontarci con gli altri «Fornire notizie è un singolare privilegio e una grande responsabilità» di Roberto Poggiani 28 ottobre 2010 21 ottobre 2015 – Orari di lavoro. Sindacati della dirigenza medica diffidano le Usl venete da interpretazioni arbitrarie delle nuove norme 7 ottobre 2015 – Azienda zero. […]

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top