Breaking news

Sei in:

Certificati online. Problema ancora aperto per gli ospedali

Il Ministero della Funzione Pubblica, con la proroga al 13 settembre del sistema di trasmissione telematica dei certificati, ha dichiarato conclusa la “pratica” certificazione on line.

Ma l’Anaao Assomed non condivide questo entusiasmo. “Potrà essere conclusa per la commissione di controllo, per l’INPS, per il Ministero della Funzione Pubblica, in considerazione del raggiungimento (finalmente!) di un buon livello di affidabilità strettamente tecnica, ha dichiarato Costantino Troise, Segretario Nazionale dell’Anaao Assomed. Ma non per i medici che operano in ospedale laddove sono ancora rilevanti le carenze strutturali e scarsa la implementazione del sistema, in particolare nell’area dei Pronto Soccorso.

Ove accorrono i cittadini che devono, entro le 24 ore dall’inizio della malattia, trasmettere al proprio datore di lavoro la certificazione, specie nei periodi di chiusura degli studi dei propri Medici di Medicina Generale.

Queste difficoltà – prosegue Troise – ancora tutte da risolvere erano state ampiamente previste dall’Anaao Assomed quando lanciavamo gli allarmi sulle pesanti ricadute che la certificazione on line avrebbe avuto sulle già critiche condizioni di lavoro dei Pronto Soccorso. Avevamo anche anticipato come non era sufficiente il riconoscimento delle carenze strutturali degli Ospedali per la non applicabilità delle sanzioni nei confronti dei medici. L’impatto negativo e l’aumento di lavoro per gli operatori è ora tangibile con la conseguente distrazione dai compiti assistenziali.

Le Regioni – conclude Troise – non possono più sottrarsi dall’obbligo di informare i cittadini che le strutture ospedaliere ed i Pronto Soccorso possono non essere attrezzati per fornire questo tipo di servizio, sottraendo i medici dall’obbligo di dichiarare, ogni volta che sono costretti ad emettere certificati cartacei, la impossibilità tecnica della trasmissione on line, allo stesso tempo dichiarandone la non perseguibilità.

24 giugno 2011

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top