Breaking news

Sei in:

Con Zaia, con Tosi. Le due Leghe nell’aula del Consiglio

Il gesto è emblematico, assai più delle parole. Per salvare il Piano socio-sanitario dai fulmini dell’assessore leghista Luca Coletto, il plenipotenziario del Pdl Leo Padrin si attacca al telefono e chiede al Carroccio garanzie sul voto in consiglio regionale, pena il naufragio della manovra. Ma una chiamata non basta. Prima tocca a Luca Zaia, poi a Flavio Tosi.

Perché il gruppo padano a Palazzo Ferro-Fini (20 consiglieri) è ormai diviso in due schieramenti che rispondono ai rispettivi leader. Metà post-bossiani fedeli al governatore, altrettanti “barbari sognanti” ligi al verbo del segretario-sindaco di Verona. Né bastano le acrobazie dell’eclettico capogruppo Federico Caner a ricucire una divisione ormai strutturale, esplosa dopo gli scandali di via Bellerio e rinfocolata dall’ascesa tosiana al timone della Liga. «Non c’è rivalità tra noi», si affannano a ripetere i cavalli di razza del leghismo veneto. Ma i rispettivi sostenitori nutrono pochi dubbi: Zaia ha il fiato corto e la sua giunta è immobile, pungono i barbari. Tosi mette i bastoni tra le ruote di Luca perché vuole soffiargli la presidenza, replicano gli orfani del Senatur. Aldilà delle tentazioni parodistiche, è innegabile che il governatore soffra la pressione del rivale: martedì, una nervosa seduta di giunta l’ha visto, per la prima volta, incassare le critiche degli assessori tosiani, che l’hanno indotto a rinviare un provvedimento. E in prospettiva il dualismo sembra destinato a perpetuarsi, stanti le ambizioni di leaderhisp del veronese. Tant’è. Nella circostanza, l’appello padriniano non è caduto nel vuoto: Zaia ha mobilitato Caner, Tosi ha fatto altrettanto con il vicecapogruppo Tosato. L’azione combinata, stavolta, ha impedito una frattura clamorosa. Ma il duello a distanza continua.

Il Mattino di Padova – 15 novembre 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top