Breaking news

Sei in:

Sars Cov-2 e animali. Documento congiunto Fao, Oie e Oms per la definizione delle priorità nel monitoraggio dell’infezione nella fauna selvatica e sulla prevenzione della formazione di serbatoi animali

Come precauzione generale, le persone non dovrebbero avvicinarsi o nutrire animali selvatici o toccare o mangiare esemplari orfani, malati o trovati morti (comprese le vittime della strada). È anche fondamentale smaltire in sicurezza il cibo non consumato, le mascherine, i tessuti e qualsiasi altro rifiuto umano per evitare di attirare la fauna selvatica, soprattutto nelle aree urbane e, se possibile, tenere gli animali domestici lontani dalla fauna selvatica e dai loro escrementi.

Allo scoccare del terzo anno di pandemia Covid l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), l’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE) e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) hanno redatto un documento comune per la definizione delle priorità del monitoraggio dell’infezione da SARS-CoV-2 nella fauna selvatica e sulla prevenzione della formazione di serbatoi animali.

Di seguito il testo integrale:
“Mentre entriamo nel terzo anno della pandemia, SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, si sta diffondendo tra le persone a un livello intenso a livello globale. Ci sono molti fattori che guidano la trasmissione. Uno di questi è l’emergere di varianti di preoccupazione altamente trasmissibili, l’ultima è Omicron. Il virus continua ad evolversi e il rischio di futura comparsa di varianti è elevato.

Sebbene la pandemia di COVID-19 sia guidata dalla trasmissione da uomo a uomo, è noto che il virus SARS-CoV-2 infetta anche le specie animali. Le attuali conoscenze indicano che la fauna selvatica non svolge un ruolo significativo nella diffusione di SARS-CoV-2 negli esseri umani, ma la diffusione nelle popolazioni animali può influenzare la salute di queste popolazioni e può facilitare l’emergere di nuove varianti del virus.

L’introduzione di SARS-CoV-2 nella fauna selvatica potrebbe comportare la creazione di serbatoi per animali. Ad esempio, è stato riferito che circa un terzo dei cervi dalla coda bianca selvatici negli Stati Uniti d’America sono stati infettati da SARS-CoV-2, inizialmente tramite diversi eventi di trasmissione da uomo a cervo. I lignaggi SARS-CoV-2 rilevati nei cervi dalla coda bianca stanno circolando anche nelle popolazioni umane vicine. È stato dimostrato che i cervi dalla coda bianca diffondono il virus e lo trasmettono tra loro.

La FAO, l’OIE e l’OMS chiedono a tutti i paesi di adottare misure per ridurre il rischio di trasmissione di SARS-CoV-2 tra l’uomo e la fauna selvatica con l’obiettivo di ridurre il rischio di comparsa di varianti e di proteggere sia l’uomo che la fauna selvatica. Esortiamo le autorità ad adottare le normative pertinenti e a diffondere le raccomandazioni precedentemente rilasciate da FAO, OIE e OMS alle persone che lavorano a stretto contatto o manipolano la fauna selvatica, inclusi cacciatori e macellai e al pubblico.

Il personale che lavora a stretto contatto con la fauna selvatica dovrebbe essere formato per attuare misure che riducano il rischio di trasmissione tra persone e tra persone e animali, utilizzando i consigli dell’OMS su come proteggersi e prevenire la diffusione del COVID-19 e le linee guida OIE e FAO sull’uso dei dispositivi di protezione individuale (DPI) e delle buone pratiche igieniche intorno agli animali, comprese le buone pratiche igieniche per cacciatori e macellai.

Le prove attuali suggeriscono che gli esseri umani non vengono infettati dal virus SARS-CoV-2 mangiando carne. Tuttavia, i cacciatori non dovrebbero rintracciare gli animali che sembrano malati o raccogliere quelli che vengono trovati morti. Appropriate tecniche di macellazione e preparazione degli alimenti, comprese adeguate pratiche igieniche, possono limitare la trasmissione di coronavirus, incluso SARS-CoV-2, e altri agenti patogeni zoonotici.

FAO, OIE e OMS sottolineano che il pubblico dovrebbe essere educato al contatto con la fauna selvatica. Alcuni animali selvatici possono avvicinarsi agli insediamenti umani e alle aree residenziali. Come precauzione generale, le persone non dovrebbero avvicinarsi o nutrire animali selvatici o toccare o mangiare coloro che sono orfani, malati o trovati morti (comprese le vittime della strada). Invece, dovrebbero contattare le autorità locali per la fauna selvatica o un professionista della salute della fauna selvatica.

È anche fondamentale smaltire in sicurezza il cibo non consumato, le mascherine, i tessuti e qualsiasi altro rifiuto umano per evitare di attirare la fauna selvatica, in particolare nelle aree urbane e, se possibile, tenere gli animali domestici lontani dalla fauna selvatica e dai loro escrementi.

Incoraggiamo inoltre i servizi nazionali per la salute degli animali e dell’uomo dei paesi ad adottare le seguenti misure:
– Incoraggiare la collaborazione tra i servizi veterinari nazionali e le autorità nazionali per la fauna selvatica, la cui partnership è fondamentale per promuovere la salute degli animali e salvaguardare la salute umana e ambientale.

– Promuovere il monitoraggio della fauna selvatica e incoraggiare il campionamento di animali selvatici noti per essere potenzialmente suscettibili a SARS-CoV-2.

– Condividere tutti i dati sulla sequenza genetica degli studi sulla sorveglianza degli animali attraverso database pubblicamente disponibili.

– Segnalare casi animali confermati di SARS-CoV-2 all’OIE tramite il sistema mondiale di informazione sulla salute degli animali (OIE-WAHIS).

– Creare con cura messaggi su SARS-CoV-2 negli animali in modo che le percezioni pubbliche imprecise non influiscano negativamente sugli sforzi di conservazione. Nessun animale trovato infetto da SARS-CoV-2 dovrebbe essere abbandonato, rifiutato o ucciso senza fornire una giustificazione da una valutazione del rischio specifica per paese o evento.

– Sospendere la vendita di mammiferi selvatici vivi catturati nei mercati alimentari come misura di emergenza.

Le nostre organizzazioni sottolineano l’importanza del monitoraggio delle popolazioni di mammiferi selvatici per l’infezione da SARS-CoV-2, riportando i risultati ai servizi veterinari nazionali (che segnalano questi risultati all’OIE) e condividendo i dati di sequenziamento genomico su database pubblicamente disponibili. I paesi dovrebbero anche adottare precauzioni per ridurre il rischio di insediamento di serbatoi animali e la potenziale accelerazione dell’evoluzione del virus in nuovi ospiti, che potrebbero portare all’emergere di nuove varianti SARS-CoV-2. Tali misure conserveranno la salute della preziosa fauna selvatica e degli esseri umani.

Invitiamo i governi e le altre parti interessate a portare i contenuti di questa dichiarazione congiunta all’attenzione delle autorità competenti e di tutte le parti interessate”.

08 marzo 2022

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top