Breaking news

Sei in:

Dal lavoro ai trasporti: basta tampone. Pass, stop al chiuso dal 1° maggio. Dal 1° aprile niente certificati all’aperto, ma vaccini frenano: 8 milioni senza terze dosi

Questa in linea di massima la roadmap che sarà definita dal Governo con un decreto atteso già la prossima settimana dopo una cabina di regia della maggioranza e il solito confronto con le Regioni. L’intensità degli allentamenti sarà decisa in questi incontri slittati a metà marzo dopo lo scoppio della crisi ucraina. La sostanza però sembra decisa con l’addio al super green pass (quello di vaccinati e guariti) e il ricorso ancora per qualche mese al tampone, a meno di recrudescenze del virus: ieri i casi sono stati 48.483, 12mila in più rispetto a 7 giorni fa, anche se i ricoveri sono ancora in discesa (-29 terapie intensive e -201 negli altri reparti).

A confermare il percorso verso l’uscita dallo stato di emergenza è il sottosegretario alla Salute Andrea Costa. «Nei prossimi giorni, con un provvedimento del Governo – spiega al Sole 24 ore l’esponente di Noi con l’Italia – verrà stilato un cronoprogramma che prevede numerosi e graduali allentamenti delle misure restrittive già dal primo aprile. Ci potranno essere situazioni in cui non sarà più necessario esibire il green pass, come bar, ristoranti e altri locali all’aperto, o ancora, tutte le attività sportive all’aperto. Poi si potrà procedere ad un ulteriore progressivo alleggerimento e ritengo ragionevole che entro il mese di giugno avremo uno scenario che ci consentirà di arrivare all’estate senza restrizioni». «Stiamo valutando – aggiunge Costa – anche la possibilità di utilizzare il green pass base in alcune contesti dove ora è previsto il super green pass, penso ai trasporti pubblici e ai lavoratori over 50. Per quest’ultima categoria, infatti, riterrei di buon senso considerare l’opportunità,pur mantenendo l’obbligo vaccinale fino al 15 giugno, di permettere loro di andare al lavoro con il certificato verde base, anziché quello rafforzato, ossia esibendo un tampone a proprie spese ogni due giorni». Il rischio multa da 100 euro per gli inadempienti resta dunque in piedi e il ministero della Salute ieri ha fatto sapere di aver inviato già 100mila codici fiscali al giorno – per un totale di 600mila segnalazioni – all’agenzia delle Entrate per far partire le procedure.

Gli annunci sull’addio al green pass già a partire dal 1° aprile hanno però avuto un effetto “scoraggiante” sulla campagna vaccinale che frena sempre di più e si avvia ormai ai titoli di coda: le iniezioni giornaliere sono ormai abbondantemente sotto le 100mila. E se le prime dosi sono solo poche migliaia – anche il vaccino Novavax è un mezzo flop con 10mila vaccini in una settimana – si registra anche una preoccupante “fuga” dalla terza dose, anche se sono ancora 8 milioni gli italiani che la devono fare.

Da oggi intanto ci saranno altri due importanti segnali di ritorno alla normalità: si potrà tornare a far visita ai propri cari ricoverati negli ospedali per almeno 45 minuti e si potrà anche tornare a consumare cibi e bevande in cinema, teatri e stadi.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top