Breaking news

Sei in:

Dall’anagrafe ai farmaci arriva la password unica per accedere ai servizi pubblici. Al via a dicembre Inps, Inail, Agenzia delle Entrate e 6 Regioni

Alessandro Longo, da Repubblica. Arriva la super password universale per usare i servizi pubblici via internet. Il grimaldello con cui il governo vuole introdurre la rivoluzione digitale nelle case (e nel cuore) degli italiani, che finora vi hanno resistito con tutte le forze. Si chiama “Spid” (Sistema pubblico dell’identità digitale) e, anche se il premier Matteo Renzi ne parla già da aprile 2014, ora ci siamo davvero. Spid parte a dicembre e ci permetterà, con un identificativo unico, di accedere a servizi che spaziano dai referti medici all’anagrafe canina, dal pagamento della mensa scolastica alla dichiarazione dei redditi.

Sono già centinaia i servizi pubblici compatibili con l’identificativo unico, da parte di una decina di enti regionali e nazionali, a quanto Repubblica può anticipare (Spid sarà sabato tra i temi centrali del Digital Day nella Reggia di Venaria a Torino, l’occasione in cui il Governo svelerà le novità digitali in arrivo).

Per prima cosa, il cittadino dovrà procurarsi la nuova identità digitale, gratuita, rivolgendosi — via internet o a uno sportello fisico — a una delle aziende che si stanno accreditando a questo scopo presso l’Agenzia per l’Italia digitale (tra quelle che hanno fatto richiesta Telecom Italia e Poste Italiane). Questo processo finirà appunto a dicembre.

Dopo averlo identificato, l’azienda fornisce al cittadino “Spid”: di base una password unica da usare on line per accedere ai servizi della pubblica amministrazione. Quelli più delicati richiederanno però, per motivi di sicurezza, anche una seconda password che cambierà a ogni utilizzo (ci arriverà di volta in volta via Sms oppure sarà creata da una App o da uno strumento specifico, analogo al “token” bancario).

Entro il 2017, per legge, tutti i servizi pubblici dovranno funzionare così, via internet e con Spid. Alcuni però sono già pronti. È il caso di 114 servizi dell’Inps (dal riscatto della laurea alla richiesta degli assegni familiari), 103 dell’Inail (consultazione Cud, richiesta bollettini) e molti dell’Agenzia delle Entrate.

Ci sono poi sei Regioni già pronte con alcuni servizi locali: sono Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Marche e Toscana. Tra questi la possibilità di pagare alcuni tributi e la mensa scolastica, e i servizi sanitari. Del resto, entra in vigore il 26 novembre prossimo il Dpcm 178/2015 che obbliga tutte le Regioni a predisporre, entro la fine dell’anno, il Fascicolo sanitario elettronico. Significa che, con la nostra identità Spid, potremo collegarci via internet a una pagina che contiene tutta la nostra storia medica: i referti degli esami, l’elenco dei farmaci assunti e altri dati utili, consultabili anche da parte dei medici che ci hanno in cura. Su questo aspetto, già pronte per la scadenza di dicembre sono le Regioni Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana e la Provincia di Trento.

Infine, con l’identità digitale si potrà accedere anche a servizi delle aziende private che aderiranno su base volontaria: probabilmente, istituti bancari e operatori telefonici.

Scelta del medico o contributi per la colf: per gestire tutte le pratiche online basterà la nuova chiave personale con 3 livelli di sicurezza

«Spid è un passo fondamentale per l’innovazione del Paese. Incentiverà i cittadini a usare i servizi digitali e le amministrazioni a costruirne di nuovi e più facili da usare», spiega Antonio Samaritani, direttore dell’Agenzia. «Oggi», dice Paolo Barberis, consigliere del Governo sull’innovazione digitale, «abbiamo 50mila siti web della pubblica amministrazione, con 100mila modalità di accesso diverse. Un caos che ci colloca agli ultimi posti in Europa». Ecco perché Spid è solo il primo passo. Il secondo, entro il 2017, sarà “ Italia Login” (sul dominio Italia.it), ideato dallo stesso Barberis: un portale unico (web e mobile) da cui accedere a tutti i servizi pubblici, con la nostra identità Spid. Due anni: è l’orizzonte temporale che il governo si è dato per completare la “rivoluzione digitale” d’Italia. Si comincia con l’identità, dal mese prossimo.

Repubblica – 19 novembre 2015 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top