Breaking news

Sei in:

Aviaria. Divieto utilizzo di richiami vivi: dal Ministero nuove misure per gestione volatili e programma di sorveglianza

richiami viviRichiamando la nota  del 23 dicembre 2014, con la quale era stata sospesa la deroga al divieto di utilizzo dei richiami vivi appartenenti agli Ordini degli Anseriformi e Caradriformi a seguito della positività al virus influenzale sottotipo H5N8 ad alta patogenicità confermata in un allevamento di tacchini da carne della provincia di Rovigo, la Direzione generale della Sanità animale e dei Farmaci veterinari del ministero della Salute ha ritenuto necessario definire, con nota dell’8 gennaio, alcune misure minime per la corretta gestione di questi volatili. Le disposizioni si rivolgono ai proprietari di volatili e ai servizi veterinari delle Asl che dovranno definire e attuare  un programma di sorveglianza a campione. Dovrà essere valutato qualsiasi sintomo clinico riferibile all’influenza aviaria e i soggetti rientrati dalle zone di caccia ritenute a rischio dovranno essere sottoposti a campionamento tramite tamponi cloacali secondo uno schema definito.

In particolare, i proprietari di tali volatili devono assicurare:

– al momento del rientro presso l’allevamento/domicilio, la comunicazione ai Servizi veterinari delle ASL competenti dell’avvenuto trasferimento dei volatili con indicazione delle zone di caccia dove gli uccelli sono stati utilizzati nel corso della stagione venatoria (se previsto, fornire il documento di rendicontazione);

– la comunicazione di qualsiasi variazione in merito allo stato sanitario degli uccelli da richiamo;

– nel caso si rinvengano soggetti morti, il conferimento tempestivo dei volatili ai Servizi veterinari dell’ASL competente per territorio, i quali provvederanno all’invio all’IZS di riferimento per l’autopsia e la ricerca di virus influenzali;

– al momento del rientro, una rigida separazione tra gli uccelli da richiamo, il pollame domestico e gli altri volatili detenuti in cattività;

– un’accurata pulizia e disinfezione dei mezzi di trasporto e delle attrezzature utilizzati per il trasporto degli uccelli da richiamo;

– il trasferimento diretto dei volatili da richiamo, per impedire ulteriori contatti a rischio;

– un’accurata pulizia dei recinti eventualmente utilizzati per detenere i volatili presso gli appostamenti di caccia.

Nel luogo di detenzione dei richiami, se la persona addetta al loro governo è la stessa che si occupa anche di altri volatili allevati, devono essere garantite adeguate norme di igiene di carattere personale (lavaggio mani, cambio stivali, ecc.) e generale (attrezzi per il governo e la pulizia distinti).

I Servizi veterinari, a seguito di valutazione del rischio che dovrà tenere in considerazione in particolare la localizzazione delle zone di caccia dove sono stati utilizzati i richiami vivi (aziende faunistico venatorie lagunari), definiranno un programma di sorveglianza a campione. Nell’ambito di tale attività, dovrà essere valutato qualsiasi sintomo clinico riferibile all’influenza aviaria e i soggetti rientrati dalle zone di caccia ritenute a rischio dovranno essere sottoposti a campionamento tramite tamponi cloacali secondo il seguente schema di consistenza:

– fino ai 10 capi: un controllo mediante prelievo di tutti i capi;

– sopra i 10 capi: un controllo mediante prelievo a campione, sugli animali detenuti, comunque non inferiore ai 10 capi

Aviaria H5N8 – la situazione epidemiologica sul sito dell’IzsVe

A cura Ufficio stampa Sivemp Veneto – 9 gennaio 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top