Breaking news

Sei in:

Ecco come cambia il processo del lavoro. Decisioni in due mesi e udienze ad hoc. Nuova procedura

1a1a4_giudice_lavoro_tribunaleUna dozzina di articoli. Per riscrivere completamente il processo del lavoro. I suoi tempi, le sue scansioni, le sue regole. E alla fine decidere il destino del lavoratore e di chi vuole licenziarlo con o senza una sufficiente ragione. Dodici articoli che venerdì scorso il ministro della Giustizia Paola Severino ha mandato alla sua collega del Lavoro Elsa Fornero. Articoli che diventeranno parte integrante della riforma dell’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. Una piattaforma per mettere le ali al processo del lavoro. Oggi quel processo è una vecchia locomotiva stanca e sbuffante. Di solito servono dai tre ai quattro anni per ottenere una sentenza di rigetto o di reintegro in una causa di lavoro.

Da domani lo stesso rito diventerà un Freccia rossa: step obbligati, tra primo, secondo e terzo grado, con 30 o 60 giorni al massimo tra uno e l’altro per ricorrere e far decollare la nuova fase del dibattimento. Hanno impiegato un paio di riunioni, al ministero della Giustizia, per disegnare il nuovo rito. Allo stesso tavolo si sono seduti i tecnici di Severino e quelli di Fornero. A guidarli Salvatore Mazzamuto, all’università di Palermo docente di diritto privato, ma da tempo impegnato in via Arenula. Prima con Angelino Alfano come suo consigliere giuridico, adesso come sottosegretario con Severino. Concentrato soprattutto sulla riforma del processo civile. È lui ad aver messo l’imprinting alla bozza dei 12 articoli. Nei quali svetta una prima novità. D’ora in avanti, in ogni tribunale, sarà il presidente a decidere che i processi in tema di licenziamento dovranno avere quello che a via Arenula chiamano «spazio dedicato».

Ogni settimana, a quei dibattimenti dovranno essere garantiti un numero sicuro e certo di ore in modo da poter essere espletati. Questa è una condizione imprescindibile, senza la quale qualsiasi innovazione o pretesa accelerazione rischia di finire nel nulla. Nessun rinvio, ma certezza che ogni settimana quei processi si faranno. Ma ecco il nuovo rito. Se oggi il lavoratore ricorre e deve aspettare mesi e anni per conoscere la sua sorte, domani si vedrà garantito un procedimento sommario che, spiegano le fonti dei due ministeri, «ha preso in prestito come modello quello dell’articolo 28 dello Statuto dei lavoratori, nel quale si affronta il capitolo del ricorso al giudice del lavoratore a causa di comportamenti anti-sindacali messi in atto dal datore di lavoro». I1 si parla di una risposta della giustizia «con decreto motivato e immediatamente esecutivo». Se palazzo Chigi, nella riscrittura dell’articolo 18, adotta in toto la proposta di via Arenula, anche per il licenziamento la magistratura fornirà una decisione immediata. Ci sarà un’ordinanza di accoglimento odi rigetto. Ovviamente le parti, a questo punto, avranno davanti a loro il dibattimento in aula, perché potranno opporre le loro ragioni. Ma dovranno farlo in tempi rapidissimi perché — e qui sta l’altra novità importante contenuta nel nuovo rito — non ci saranno più di 30 (o da stabilire se 60) giorni per andare davanti al tribunale. La stessa scansione rapida regolerà il reclamo in appello e alla fine il ricorso in Cassazione. Una corsia preferenziale cui corrisponderanno dei tempi stringenti. Tutto ciò, ovviamente, comporterà un organico delle sezioni e dei giudici del lavoro del tutto rivisto. Ma per i conti, tribunale per tribunale, c’è ancora un po’ di tempo.

La corsia

D’ora in avanti, in tutti i tribunali d’Italia, i presidenti dovranno riservare uno spazio garantito alle udienze che riguardano i licenziamenti. Sarà uno spazio dedicato che eviterà di per sé gli attuali tempi lunghi dei dibattimenti e delle risoluzioni, a tutto vantaggio dei tempi della decisione definitiva

Il modello

I tecnici di via Arenula si sono ispirati per il nuovo procedimento sommario all’articolo 28 dello Statuto dei lavoratori, laddove si disciplina il ricorso al giudice per un comportamento antisindacale. La procedura si chiuderà celermente, con scadenze strette di 30 o 60 giorni tra un passaggio e I’altro

Il ricorso

Di fronte a un licenziamento il lavoratore potrà ricorrere al giudice il quale instaura un rito sommario e estremamente abbreviato per dare una rapida risposta all’interrogante. La procedura si chiuderà subito con un’ordinanza di accoglimento oppure di rigetto che saranno subito appellabili

I tempi

L’attuale rito del lavoro comporta una durata dei processi che supera i tre o quattro anni, senza scadenze obbligate tra un ricorso e l’altro. Nel nuovo rito invece tra un passaggio e l’altro del processo non potranno passare più di 30 o 60 giorno. Via Arenula calcola che i tempi dovrebbero essere ridotti fino a un quarto

Repubblica – 3 aprile 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top