Breaking news

Sei in:

Focolaio di Salmonella in più paesi legato ai prodotti a base di cioccolato, segnalati in totale 324 casi. Valutazione rapida dell’epidemia, aggiornamento di Ecdc ed Efsa

Il 18 maggio 2022, l’ECDC e l’EFSA hanno pubblicato un aggiornamento della valutazione rapida del  focolaio multinazionale di Salmonella Typhimurium monofasico collegato a prodotti a base di cioccolato fabbricati in uno stabilimento di Arlon, in Belgio. A quella data sono stati segnalati nell’UE 324 casi (266 confermati e 58 probabili) in  Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Spagna, Svezia e Regno Unito, inclusi due ceppi distinti di S. Typhimurium monofasico. Inoltre, sono stati identificati casi in Canada, Svizzera e Stati Uniti.

La maggior parte delle infezioni (86,3%) riguarda bambini di età pari o inferiore a 10 anni e per tutti i casi nell’UE/SEE e nel Regno Unito con informazioni disponibili, il 41,3% di loro è stato ricoverato in ospedale. Non sono stati segnalati decessi.

I due ceppi di Salmonella sono multiresistenti e alcuni isolati testati presentano anche resistenza ai disinfettanti a base di composti di ammonio quaternario e perossido di idrogeno, ma rimangono sensibili all’azitromicina, alla ciprofloxacina, al meropenem e alle cefalosporine di terza generazione. Indagini epidemiologiche e microbiologiche hanno identificato specifici prodotti di cioccolato fabbricati nello stabilimento di lavorazione di Arlon, in Belgio, come probabili veicoli di infezione.

I due ceppi focolai di S. Typhimurium monofasico sono stati identificati in dieci degli 81 campioni positivi alla Salmonella prelevati nello stabilimento tra dicembre 2021 e gennaio 2022, tra cui materie prime (latticello), semilavorati e prodotti finiti. Il latticello è stato fornito da un fornitore italiano in cui la Salmonella non è stata rilevata. Il fornitore italiano ha consegnato il latticello anche ad altri impianti di produzione dell’azienda e, sulla base delle prove disponibili, la Salmonella non è stata rilevata in altri impianti.

La chiusura dell’impianto di trasformazione belga l’8 aprile 2022 e il ritiro e il ritiro globali di tutti i loro prodotti hanno ridotto il rischio di esposizione, ma potrebbero verificarsi nuovi casi a causa della lunga durata e della possibile conservazione dei prodotti a casa.

L’impatto sulla salute pubblica delle rigorose misure di controllo attuate può riflettersi nel calo significativo dei casi segnalati tra le settimane 14 e 15 nell’aprile 2022. Tuttavia, tra i 156 casi segnalati in questo focolaio con date disponibili, il ritardo mediano tra l’insorgenza della malattia e la notifica al sistema di sorveglianza nazionale era di tre settimane con un massimo di cinque settimane. È anche probabile che i casi nei paesi che non hanno segnalato casi potrebbero non essere stati rilevati se i casi non fossero stati sequenziati di routine.

Infine, ci sono otto casi, che non possono essere spiegati dal consumo di prodotti a base di cioccolato dallo stesso stabilimento di trasformazione in Belgio, suggerendo che potrebbero esserci anche altre fonti di infezione, sebbene infezioni secondarie, che non possono essere escluse.

L’ECDC continua a monitorare la situazione e incoraggia gli Stati membri a prestare attenzione ai nuovi casi e a indagare sulle infezioni umane con ceppi che hanno profili di resistenza multifarmaco. Si raccomanda un ulteriore sequenziamento di tali isolati e l’ECDC offre supporto per il sequenziamento per i paesi con capacità di sequenziamento del genoma limitata o assente.

Inoltre, l’ECDC incoraggia ulteriormente le autorità sanitarie pubbliche a collaborare strettamente con le autorità per la sicurezza alimentare nei paesi colpiti.

Informazioni di base

A seguito dei rilevamenti di Salmonella nel latticello, nei semilavorati e nei prodotti finiti, l’azienda ha implementato misure di controllo dell’igiene e ha aumentato il campionamento e il test dei prodotti e dell’ambiente di lavorazione. Lotti di prodotti sono stati immessi sul mercato dopo i risultati negativi dei test sulla Salmonella. I prodotti di cioccolato sono stati distribuiti in tutta Europa e nel mondo.

All’inizio di aprile 2022, dopo la disponibilità dei dati di sequenziamento, gli scienziati hanno collegato i casi umani alla fabbrica di cioccolato belga attraverso tecniche di tipizzazione molecolare avanzate.

Dal 2 aprile 2022 le autorità nazionali competenti hanno iniziato a emettere avvisi di salute pubblica. L’8 aprile 2022, l’autorità per la sicurezza alimentare in Belgio ha eseguito controlli ufficiali presso lo stabilimento e ha revocato l’autorizzazione alla produzione dell’azienda. Inoltre, l’azienda ha avviato i richiami di tutti i lotti di prodotti prodotti nello stabilimento di Arlon, indipendentemente dal numero di lotto o dalla data di scadenza.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top