Breaking news

Sei in:

Friburgo. Tubercolosi bovina, ordinato l’abbattimento di una mandria

Alto il rischio di contagio. L’ufficio cantonale di veterinaria friburghese ha ordinato l’abbattimento della mandria in cui all’inizio di marzo era stato scoperto un caso di tubercolosi bovina. Con gli accertamenti sistematici svolti in seguito è stato infatti riscontrato un alto grado di contagio, indica in una nota diramata oggi l’Ufficio federale di veterinaria (UFV).

Fino ad oggi non è stata rilevata alcuna infezione di tubercolosi nelle persone che si sono occupate degli animali nelle aziende contaminate, rassicura l’UFV.

Gli accertamenti hanno consentito di datare la presenza della tubercolosi nella fattoria colpita ad almeno tre anni fa, scrive l’ufficio federale. Nel frattempo – aggiunge – sono stati identificati tutti gli animali venduti negli ultimi otto anni e sono state analizzate in modo sistematico tutte le aziende acquirenti.

Nel complesso sono stati rilevati cinque casi: uno in Vallese, due nel Cantone di Vaud e due nel Cantone di Friburgo. Tutti gli animali risultati positivi sono stati abbattuti e le loro carcasse eliminate. Le aziende contaminate sono state poste sotto sequestro e per quelle con produzione lattiera è stato decretato un blocco della fornitura di latte.

Per precauzione, il bestiame di tutte le aziende venute a contatto con capi delle cinque fattorie contaminate sarà ora sistematicamente sottoposto al test della tubercolina. Le analisi, che hanno lo scopo di conservare alla Svizzera la qualifica di ‘Paese indenne da tubercolosi’, richiederanno “un certo tempo”.

Secondo l’UFV, è difficile riconoscere la tubercolosi bovina, poiché la malattia si sviluppa lentamente e con sintomi spesso aspecifici. Un elemento fondamentale della sorveglianza di questa malattia è il controllo delle carni effettuato al macello. In casi sospetti, la malattia può essere rilevata con un test cutaneo. La procedura è retta dall’ordinanza sulle epizoozie.

L’essere umano può contrarre l’infezione consumando latte crudo o tramite il contatto diretto con un animale infetto. Tuttavia “il rischio è minimo”. Finora tutte le analisi condotte sul personale delle aziende contaminate hanno avuto esito negativo. Il consumo di alimenti prodotti con latte pastorizzato o con latte lavorato ad alte temperature e il consumo di prodotti del latte soggetti a un processo di maturazione, quali i formaggi a pasta dura e semidura, non comportano alcun rischio, afferma l’UFV.

Ticinonline – 6 aprile 2013

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top