Sei in:

Giovani. Disoccupazione record. «Il 30% è senza lavoro»

Male l’occupazione negli ultimi mesi dell’anno scorso. Il tasso di disoccupazione a novembre è all’8,6%, in aumento di 0,1 punti rispetto a ottobre e di 0,4 punti su base annua.

Lo rileva l’Istat in base a dati destagionalizzati e a stime provvisorie. È il livello più alto da maggio 2010. Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) a novembre è al 30,1%, in aumento di 0,9 punti percentuali rispetto a ottobre e di 1,8 punti su base annua. È il tasso più alto da gennaio 2004 (anno dell’inizio delle serie storiche mensili).

 BORSA – Giornata negativa per le piazze finanziarie europee in attesa di conoscere l’esito dell’asta della Francia, chiamata oggi a collocare titoli di stato per 8 miliardi di euro. Milano e Madrid sono i listini peggiori, con ribassi ben superiori all’1%. Sulle Borse, che già mercoledì avevano chiuso in calo, continuano dunque a pesare i timori per la situazione del debito nell’Eurozona. I mercati intanto attendono l’asta di titoli di stato francesi da 8 miliardi. I timori per il debito Ue sono stati alimentati anche dalle affermazioni del premier greco, Lucas Papademos, che a sindacati e industriali ha detto mercoledì che senza nuove misure di austerity e un nuovo accordo con Fmi e Ue il Paese è destinato a fallire già a marzo. In questo contesto soffrono le banche (l’indice Dj Stoxx di settore è il peggiore in Europa, con un calo dell’1,6%), dove affonda ancora una volta Unicredit (-7,89%), seguita da Società Generale (+4,5%) e Commerzbank (-3,8%). A Piazza Affari male anche Fonsai. Dopo il rally dei giorni scorsi la speculazione cambia direzione e gli investitori cedono a mani basse il titolo che, dopo un avvio positivo, è ora in asta di volatilità con un ribasso teorico del 7,77% a 0,73 euro. Stessa sorte per la controllante Premafin sospesa mentre segna un calo del 21,9% a 0,31 euro.

SPREAD – Pressione in deciso aumento sui titoli di Stato dell’area euro: lo spread sui Btp italiani decennali è salito oltre i 510 punti base sui massimi da inizio anno, i Bonos spagnoli viaggiano oltre 360. Il premio di rendimento sui titoli portoghesi è a 1.142, la Grecia viaggia oltre 3.300 mentre Francia e Belgio si attestano rispettivamente a 144 e 258 centesimi.

corriere.it – 5 gennaio 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top