Breaking news

Sei in:

In forse il termine per i ricorsi su licenziamenti e contratti a termine

500_LeggeDare più tempo ai lavoratori per preparare i ricorsi contro i licenziamenti e contro i termini apposti ai contratti a tempo determinato, spostando al 2012 l’entrata in vigore della norma del collegato lavoro (legge 183/2010) che fissava al 23 gennaio la scadenza per le impugnazioni. È l’obiettivo di due emendamenti all’articolo 1 del Dl milleproroghe (1.0.76 e 1.0.77) firmati da quattro senatori del Pd e approvati martedì dalle commissioni Affari costituzionali e Bilancio di Palazzo Madama. L’emendamento 1.0.77, che sembra avere la formulazione più coerente con l’obiettivo dei proponenti, è intitolato «Proroga dei termini per l’impugnazione del licenziamento individuale».

Recita: « L’efficacia delle disposizioni di cui all’articolo 6 della legge 15 luglio 1966, n. 604, come modificato dall’articolo 32 della legge 4 novembre 2010, n. 183, è differita al 31 dicembre 2011». In realtà, da questa formulazione, la norma sembrerebbe riferita al solo termine di 60 giorni previsto per impugnare i licenziamenti individuali.

Il comma 4 dell’articolo 32 del collegato lavoro, tuttavia, precisa che le disposizioni dell’articolo 6 della legge 604/1966, come modificate dallo stesso collegato, si applicano anche ai contratti a termine. Potrebbe essere questo, dunque, il modo per estendere la proroga anche al termine di 60 giorni dalla scadenza per impugnare i termini dei contratti a tempo determinato. «Il nostro obiettivo – spiega la senatrice Rita Ghedini (Pd), che ha firmato gli emendamenti insieme ai senatori Achille Passoni, Giorgio Roilo e Paolo Nerozzi – è consentire ai lavoratori di essere correttamente informati sulle nuove scadenze previste dal collegato lavoro. Queste norme hanno suscitato allarme nei lavoratori precari, che spesso non ricorrono contro i termini dei contratti perché si sentono più ricattabili, soprattutto in questa fase di crisi economica». Il ministero del Lavoro, tuttavia, ha già fatto trapelare il proprio disaccordo sugli emendamenti, che – dunque – potrebbero non superare l’esame dell’Aula.

Ilsole24ore.com – 10 febbraio 2011  

 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top