Breaking news

Sei in:

Inflazione: carrello della spesa +4,2%. Aumenti contenuti servizi sanitari

Volano i prezzi dei prodotti acquistati con più frequenza: un rialzo ben superiore al tasso
d’inflazione che rallenta al 3,2%

A gennaio il rincaro del cosiddetto carrello della spesa, cioè i prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza (dal cibo ai carburanti), è del 4,2% su base annua, un rialzo ben superiore al tasso d’inflazione (3,2%).
Secondo i dati Istat, che confermano le stime provvisorie, su base mensile la crescita è dello 0,8%, ai massimi da un anno.

A gennaio leggero rallentamento per l’inflazione che scende, rispetto allo stesso mese del 2011, dal 3,3% al 3,2% con un aumento dei prezzi al consumo sul mese di dicembre dello 0,3%. È il dato definitivo fornito dall’Istat che conferma la stima provvisoria e vede l’inflazione acquisita per il 2012 all’1,6%.

Il rallentamento dell’inflazione – spiega l’istituto di statistica – deriva dal lieve aumento del tasso di crescita tendenziale dei
prezzi dei beni (+3,9%, dal +3,8% di dicembre 2011), più che compensato dal calo di quello dei servizi (+2,3%, dal +2,5% del mese precedente). Come conseguenza di tali andamenti, il differenziale inflazionistico tra beni e servizi aumenta di tre decimi di punto rispetto al mese di dicembre.

L’inflazione di fondo, calcolata al netto dei beni energetici e degli alimentari freschi, scende al 2,3% dal 2,4% di dicembre 2011. Mentre, aggiunge l’Istat, al netto dei soli beni energetici, il tasso di crescita annuo dell’indice dei prezzi al consumo scende al 2,2% (era +2,3% a dicembre).

A gennaio rispetto a dicembre 2011 l’Istat registra una forte crescita dei prezzi dei prodotti relativi all’Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+1,9%). Aumenti su base mensile più contenuti si rilevano per le divisioni Trasporti (+0,7%), Mobili, articoli e servizi per la casa (+0,4%) e Prodotti alimentari e bevande analcoliche (+0,3%). In calo risultano i prezzi degli Altri
beni e servizi (-0,5%).

 Su base annua, invece, i maggiori tassi di crescita interessano l’Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+7,4%), i Trasporti (+7,3%) e le Bevande alcoliche e tabacchi (+6,1%). Quelli più contenuti riguardano i Servizi sanitari e spese per la salute (+0,1%) e la Ricreazione, spettacoli e cultura (+0,4%). I prezzi delle Comunicazioni risultano in flessione dell’1,8%. Infine, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, al netto dei tabacchi, registra un aumento dello 0,4% sul piano congiunturale e del 3,2% su quello tendenziale.

Lastampa.it – 22 febbraio 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top