Breaking news

Sei in:

La spesa delle famiglie torna indietro di dieci anni: per gli italiani meno carne e più discount

Nel 2013 i consumi medi mensili sono calati a 2.359 euro (-2,5%): nel 2004 era a 2.381 euro. L’Istat sottolinea che la contrazione c’è stata anche in termini reali, l’inflazione era all’1,2%: metà dei nuclei spende meno di 2mila euro. In Trentino spese più alte, in Sicilia più basse

La crisi picchia duro sulle famiglie italiane, che si trovano costrette a rinnegare il “marchio di fabbrica” della Penisola, il buon cibo, in nome del risparmio obbligato. La recessione non allenta dunque la presa, con i consumi che risultano in costante calo: alla fine del 2013 la spesa media mensile per famiglia era pari a 2.359 euro, in calo del 2,5% rispetto all’anno precedente.

Lo rileva l’Istat, sottolineando che i consumi sono diminuiti anche in termini reali (l’inflazione lo scorso anno era all’1,2%) ai livelli più bassi da dieci anni: nel 2004 la spesa media era di 2.381 euro. Due le tipologie familiari più colpite dalla contrazione dei consumi: le famiglie operaie e quelle in coppia con due figli. Metà dei nuclei spendono meno di 2mila euro: il valore mediano della spesa mensile per famiglia (la cifra che divide in due la popolazione) risulta infatti di 1.989 euro, con una diminuzione del 4,3% rispetto al 2012.

In questo panorama, continuano ad aumentare le famiglie che hanno ridotto la qualità o la quantità del cibo acquistato, fino a raggiungere il 65% nel 2013 dal 62,3% del 2012; la spesa alimentare resta sostanzialmente stabile (passa da 468 euro a 461), nonostante la “diminuzione significativa” di quella per la carne (-3,2%). Di contro, cresce la quota di famiglie che si rivolge all’hard discount (dal 12,3% al 14,4%).

La spesa per beni e servizi non alimentari diminuisce del 2,7% e si attesta su 1.898 euro mensili: continuano a diminuire le spese per

abbigliamento e calzature (-8,9%), quelle per tempo libero e cultura (-5,6%) e quelle per comunicazioni (-3,5%). La sostanziale stabilità della spesa alimentare, a fronte di una diminuzione di quella non alimentare, determina l’aumento della quota di spesa destinata ad alimentari e bevande (dal 19,4% del 2012 al 19,5% del 2013). Il Trentino-Alto Adige, in particolare la provincia di Bolzano, è la regione con la spesa media mensile più elevata (2.968 euro), seguita dalla Lombardia (2.774 euro). Fanalino di coda, anche nel 2013, la Sicilia, con una spesa media mensile di 1.580 euro (circa 1.400 euro inferiore a quella del Trentino-Alto Adige).

(08 luglio 2014) Repubblica 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top