Breaking news

Sei in:

Legge di stabilità: il testo finale del Senato pronto per essere trasmesso alla Camera. Martedì si riaprono i giochi

Camera dei deputatiDa martedì prossimo si riaprono alla Camera i giochi sulla legge di stabilità 2014. Che sicuramente – come hanno già annunciato sia i deputati sia i senatori rimasti all’asciutto dopo la rincorsa all’approvazione con la fiducia sul maxi-emendamento riassuntivo prima di far calare il sipario sulla decadenza da senatore di Silvio Berlusconi – potrà subire modifiche. Ed ecco intanto il testo finale, quello coordinato, che Palazzo Madama sta per trasmettere a Montecitorio. Nel testo, per la parte sanitaria, ci sono anche 121 milioni per pagare la mobilità internazionale, che non è però ancora quella legata al provvedimento sulle cure transfrontaliere e una dotazione di 50 milioni per il 2014 e altrettanti per il 2015 per attuare la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo che ha stabilito l’obbligo di liquidazione ai titolari degli emoindennizzi.

Questi i principali contenuti sanitari

Non autosufficienza

Per gli interventi previsti dal Fondo per le non autosuffcienza e per quelli a sostegno delle persone con sclerosi laterale amniotrofica è autorizzata nel 2014 una spesa di 275 milioni a cui si aggiungono 75 milioni per gli interventi di assistenza domiciliare per le persone affette da disabilità gravi e gravissime.

Mobilità internazionale

Per adempiere agli obblighi di rimborso nei confronti di Stati dell’Unione europea, dello Spazio economico europeo, della Svizzera e dei Paesi in convenzione in materia di mobilità sanitaria internazionale, gli stanziamenti già previsti dal Dpr 618/1980 sono incrementati per il 2014, di 121 milioni.

Emoindennizzi

In attuazione alla sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo del 3 settembre 2013 (Requête no. 5376/11) sull’obbligo di liquidazione ai titolari di emoindennizzi, la spesa prevista per la legge 210/1992 è incrementata di 50 milioni per ciascuno degli anni 2014 e 2015.

Violenza di genere

Per il Piano di azione straordinario il Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità è incrementato di 10 milioni per ciascuno degli anni 2014, 2015 e 2016

Genetica molecolare

Per contribuire al funzionamento dell’Istituto nazionale di genetica molecolare è autorizzata a decorrere dal 2014 la spesa di un milione.

Pay back

Si applica dal 1° gennaio 2014 senza più previsione di interruzioni e anche, su richiesta delle imprese interessate, ai farmaci immessi in commercio dopo il 31 dicembre 2006 (anno della prima legge che lo ha previsto).

Screening neonatali

Sono assegnati 5 milioni per gli screening neonatali per la diagnosi precoce di patologie metaboliche ereditarie, per la cui terapia esistano evidenze scientifiche di efficacia terapeutica. Il ministero della Salute definisce l’elenco delle patologie e perché vi sia un’applicazione uniforme è istituito presso l’Agenas un centro di coordinamento sugli screening neonatali.

Anagrafe degli assistiti

Nasce l’anagrafe degli assistiti (Ana) che sostituirà gli elenchi di assistiti alle Asl né libretto sanitario personale. Sostuirà tutte le anagrafi locali, terrà sotto controllo esenzioni, spesa e gestione dei pazienti da parte dei Mmg e comunicherà in tempo reale tutte le variazioni (dal cambio di medico a quello di residenza) che riguardano l’assistenza ai cittadini. E per gli oneri che ne derivano sono stanziati 2 milioni per il 2014 e un milione dal 2015.

Prodotti alimentari alle Onlus

Chi fornisce prodotti alimentari alle organizzazioni rinosciute non lucrative di utilità sociale per beneficienza devono registrare oggetto, luogo, data, ora e destinatario della fornitura e anche modalità di trasporto e stoccaggio.

Malattie ematiche

Per l’Istituto mediterraneo di ematologia è autorizata la spesa di 3,5 milioni dal 2014

Ipovedenti

Per le attività dell’Associazione nazionale ai privi della vista e ipovedenti e in particolare per la scuola dei cani guida di campahnano è autorizzata una spesa di 300mila euro per il 2014.

Oncologia

Per la ricerca, l’assistenza e la cura dei malati oncologici è autorizzata la spesa di 3 milioni per il 2014 a favore del Centro nazionale di adroterapia oncologica

Accertamenti medico legali

Per i 70 milioni assegnati alle Regioni per le visite medico legali decise dalla legge 111/2011 sono vincolati agli accertamenti medico legali sui dipendenti assenti per malattia effettuati dalle Asl.

Pubblico impiego

L’indennità di vacanza contrattuale resta fino al 2017quella in godimento al 31 dicembre 2013, cosa di cui dovranno tener conto le Regioni nei loro bilanci. E per il 2013 e 2014 si potranno rinnovare i contratti, ma solo per la parte normativa. Il blocco economico dei contratti è prorogato fino a fine 2014 e dal 2015 le risorse destinate al trattamento accessorio sono ridotte di un importo pari alle precedenti riduzioni. Per effetto di queste riduzioniil finanziamento a carico dello Stato del fondo sanitario nazionale è ridotto di 540 milioni nel 2015 e di 610 milioni nel 2016.

Policlinici universitari non pubblici

E’ prevista per i policlinici universitari non statali la spesa di 50 milioni per il 2014 e 35 milioni l’anno dl 2015 al 2024 (quindi 400 milioni in tutto) come contributo dello Stato alle loro attività strumentali: per averli dovranno sottoscrivere un’intesa con la Regione che comprenda la “definitiva regolazione condivisa” di eventuali contenziosi pregressi.

Bambino Gesù

Confermato anche per il 2014 il finanziamento di ulteriori 30 milioni (oltre i 50 sempre assegnati) al Bambino Gesù di Roma.

Cure palliative

I medici in servizio presso le unità di cure palliative anche se non in possesso di una specializzazione ma con un’esperienza almeno triennale nel campo sono comunque idonei a operare nelle strutture.

Prontuario della continuità assistenziale

Il prontuario della continuità assistenziale ospedale-territorio è aggiornato ogni anno dall’Aifa che identifica un elenco di medicinali da distribuire per conto e quelli non coperti da brevetto per i quali siano cessate le esigenze di controlo da parte della struttura pubblica da distribuire nelle farmacie convenzionate. Di conseguenza i ministeri di Salute ed Economia provvedono con l’Aifa a rideterminare il tetto della spesa ospedaliera considerando l’aumento di quella convenzionata.

Il Sole 24 Ore sanità – 29 novembre 2013 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top