Breaking news

Sei in:

Lingua blu, strage di animali: “Novantamila capi morti, subito gli indennizzi”. Interrogazione in Regione Sardegna

“38.500 capi di bestiame già accertati ad ottobre come morti hanno seguito un trend evolutivo, anche a causa delle avverse condizioni metereologiche, che ha oggi condotto ad una perdita che supera i 90mila decessi”. Sono le parole di Claudia Zuncheddu,consigliera regionale di Sardigna Libera, che rilancia l’allarme blue tongue.

CAGLIARI – “Ho trasmesso agli assessori Cherchi e De Francisci una lettera aperta nella quale chiedevo ai due esponenti della Giunta regionale di prestare la massima attenzione sulle problematiche relative ai criteri, alle tempistiche e alle modalità di erogazione degli indennizzi per gli allevamenti colpiti dall’epidemia di lingua blu. Non ho mai ricevuto risposta”. Lo ha affermato questa mattina in conferenza stampa la consigliera regionale di Sardigna Libera, Claudia Zuncheddu, esponendo l’interpellanza depositata insieme ai colleghi Cocco e Sechi (Sel) sugli interventi urgenti da adottare per fronteggiare la febbre catarrale degli ovini in Sardegna.

“I problemi non si risolvono nascondendo la testa sotto la sabbia: prima o poi questa Giunta una risposta la dovrà dare, se non a me, ai pastori messi in ginocchio dalla disastrosa situazione venutasi a creare nell’Isola. Com’era facilmente prevedibile, i 38.500 capi di bestiame già accertati ad ottobre come morti hanno seguito un trend evolutivo, anche a causa delle avverse condizioni metereologiche, che ha oggi condotto ad una perdita che supera i 90mila decessi. In soli due mesi si sono raddoppiati i capi morti, mentre sono più di 5.000 i focolai attivi secondo i dati dell’Istituto Zooprofilattico dello Stato»

“Quest’anno la campagna di vaccinazione è partita in ritardo: ci sono aziende che non hanno potuto seguire la profilassi perché i vaccini non erano materialmente disponibili e, quando questi sono arrivati, i capi erano già morti mentre quelli sopravvissuti avevano sviluppato una immunizzazione naturale alla malattia”.

“Con questa interpellanza chiediamo alla Giunta regionale di cambiare le direttive di attuazione della legge 25, che regola gli indennizzi, affinché non vengano escluse tutte quelle aziende che hanno subito danni ma che, per ovvi motivi, non hanno potuto seguire la profilassi. Per garantire la copertura totale delle perdite serve uno stanziamento aggiuntivo di 8 milioni, che riteniamo si potranno trovare anche in sede di Finanziaria”.

10 dicembre 2013 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top