Breaking news

Sei in:

Lombardia. La Regione approva progetto per controlli semplificati e dematerializzazione del “passaporto bovino”

C’è troppa burocrazia nei campi e soprattutto nelle stalle, dove le scartoffie arrivano a costare anche più di 12 euro per ogni quintale di latte prodotto. Per ridurre questo opprimente eccesso di burocrazia è arrivato dalla regione Lombardia un progetto di semplificazione che prevede: dematerializzazione del passaporto bovino, HACCP semplificato per le micro imprese, manuale per i controlli delle Asl e autocertificazione dei requisiti sanitari del latte destinato ai prodotti di esportazione.

Una nota a firma dell’Assessore alla Salute della Regione Lombardia, Mario Mantovani, ha veicolato il testo della Delibera 1105/2013 – Disposizioni regionali di indirizzo programmatico in materia di coordinamento, trasparenza e semplificazione dei controlli nel settore della sicurezza alimentare e della sanità pubblica veterinaria – pubblicata sul Bollettino ufficiale della Lombardia.

Nella nota si legge che, facendo seguito alle sollecitazioni giunte dal mondo degli allevatori e produttivo del sistema agroalimentare lombardo il provvedimento intende essere il primo passo di un percorso che questo Assessorato “intende intraprendere per migliorare l’efficienza del sistema dei controlli a garanzia dei consumatori, assicurando nel contempo le garanzie sanitarie richieste dai Paesi che importano i nostri prodotti alimentari”.

Le iniziative messe in atto riguardano:

1. l’istituzione di un tavolo tecnico di coordinamento delle Autorità Competenti;

2. lo sviluppo di un Manuale operativo per le Autorità Competenti Locali (ASL);

3. lo sviluppo di procedure di autocontrollo semplificato per le microimprese del settore alimentare;

4. la dematerializzazione del “passaporto bovino”;

5. l’introduzione del principio dell’autocertificazione dei requisiti sanitari del latte destinato alla produzione di prodotti a base di latte per l’esportazione.o domani

Si parte dal tavolo

Al momento ci si ferma alla istituzione di un tavolo tecnico costituito dalle numerose autorità competenti in materia, così come stabilito dal regolamento pubblicato in questi giorni sul bollettino regionale. Obiettivo del tavolo, spiega la delibera, sarà quello di “favorire azioni congiunte volte a supportare gli organismi di programmazione per lo sviluppo di progetti mirati ad ottimizzare i controlli e favorire lo scambio di informazioni.”

 “Passaporto” semplificato

Ma non è finita qui. La giunta ha anche approvato un progetto per semplificare il passaporto bovini. In “burocratichese” il progetto si chiama “dematerializzazione degli adempimenti amministrativi per la movimentazione degli animali della specie bovina.” Obiettivo del progetto è quello di semplificare tutte le regole per la movimentazione degli animali, mantenendo però al contempo una completa tracciabilità delle produzioni lungo l’intera filiera.

Certificazioni più snelle

Semplificazioni in vista anche per l’HACCP, la procedura per tenere sotto controllo i punti critici della produzione. Ne potranno usufruire le piccole imprese – un esempio è quello del caseificio aziendale, ma non solo – che potranno essere sgravati da alcuni obblighi non strettamente collegati alla sicurezza alimentare. Novità in vista anche per talune autocertificazioni che riguardano gli allevamenti. In questo caso si parla del latte e dei prodotti a base di latte destinati alla esportazione. Ne potranno usufruire gli allevamenti registrati nel sistema dell’anagrafe regionale e le cui produzioni sono destinate alla trasformazione in prodotti a base di latte per l’export.

Stop ai doppioni

Come spiegano dall’assessorato regionale alla Salute guidato da Mario Mantovani, il progetto si propone di evitare duplicazioni e sovrapposizioni nello svolgimento dei controlli. “Gli obiettivi di sicurezza alimentare – spiega l’assessore Mantovani – saranno raggiunti migliorando l’efficienza, l’efficacia e la appropriatezza dei controlli, diminuendo, al contempo, il senso di oppressione dell’operatore economico che, a volte, viene controllato in successione da diverse autorità e, in alcune circostanze, anche per le stesse cose.”

Punto di partenza

Ora non resta che attendere i risultati di questo progetto portato avanti dalla regione Lombardia, risultato che ci si augura sia positivo e quindi destinato a diventare un punto di partenza per estendere ad altre regioni analoghe semplificazioni per alleggerire il carico burocratico che pesa sulle aziende agricole.

15 gennaio 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top