Breaking news

Sei in:

Medicina e veterinaria. Ecco il nuovo test d’accesso. Il ministro Bussetti firma il decreto con le nuove regole: “Meno logica e più cultura generale”

Il Ministro dell’Istruzione ha emanato il decreto che fissa le regole delle prove di selezione per l’accesso alla facoltà di Medicina e Odontoiatria, Architettura e Veterinaria. “Quest’anno, avremo quesiti più vicini alla sensibilità e alla preparazione dei candidati”. I quesiti di cultura generale, passano da 2 a 12 (con una diminuzione da 20 a 10 di quelli di logica). Ci si potrà iscrivere dal 17 giugno al 9 luglio. Il 3 settembre le prove d’ammissione. IL DECRETO

da Quotidiano sanita. Iscrizioni ai test dal 17 giugno al 9 luglio. Prove più vicine alla sensibilità e alla preparazione dei candidati, con più domande di cultura generale, coerenti con quanto studiato durante l’ultimo anno della scuola secondaria, e meno quesiti di logica. È questa la principale novità contenuta nel decreto firmato dal Ministro Marco Bussetti che modifica la composizione delle prove per l’accesso ai corsi a numero programmato (Medicina e Odontoiatria, Architettura, Veterinaria) pubblicato oggi sul sito del MIUR.

Bussetti: Riformeremo sistema con più posti per Medicina e borse per le specializzazioni.

“Intendiamo rivedere il sistema di accesso a queste facoltà – spiega il Ministro -. È un lavoro che richiede tempo e, in particolare per Medicina, prevede un necessario impegno congiunto che riguarda non solo il MIUR, ma anche gli Atenei, il Ministero della Salute, le Regioni. Nel frattempo, quest’anno, avremo quesiti più vicini alla sensibilità e alla preparazione dei candidati. Meno logica, e più cultura generale, con l’indicazione esplicita che i relativi quesiti siano pensati guardando a quanto si fa durante l’ultimo anno di scuola. Per Medicina prevediamo, dal prossimo anno accademico, anche un ulteriore incremento di posti, puntiamo al 20% in più, che saranno accompagnati da un ulteriore aumento delle borse di specializzazione”.

Le iscrizioni.Le iscrizioni alle prove potranno essere effettuate on line dal 17 giugno fino alle ore 15.00 del 9 luglio 2019, attraverso il portale ministeriale www.universitaly.it. Il Ministero metterà a disposizione dei candidati un test psico-attitudinale che potrà essere effettuato su base volontaria. Sarà un testo orientativo diviso in tre sezioni: 72 quesiti motivazionali e una simulazione della prova di accesso. Ci sarà anche un video illustrativo sulle principali attività professionali relative ai corsi di laurea ad accesso programmato. La data del test per Medicina è fissata per il 3 settembre.

“L’orientamento – spiega Bussetti – è centrale. Non va sottovalutato. Dovrà essere uno dei punti cardine della revisione del sistema di accesso”. Il Ministro ha chiesto inoltre alle Università di organizzare corsi di preparazione alle prove, da tenersi nei mesi estivi, per sostenere l’impegno dei ragazzi che intenderanno svolgere le prove di accesso. Il MIUR sosterrà finanziariamente l’organizzazione di tali corsi di preparazione.

Test medicina.
La prova di ammissione consiste nella soluzione di sessanta quesiti che presentano cinque opzioni di risposta, tra cui il candidato deve individuarne una soltanto, scartando le conclusioni errate, arbitrarie o meno probabili, su argomenti di: cultura generale e ragionamento logico; biologia; chimica; fisica e matematica. Sulla base dei programmi di cui all’Allegato A, che costituisce parte integrante del presente decreto, vengono predisposti: dodici (12) quesiti di cultura generale; dieci (10) di ragionamento logico; diciotto (18) di biologia; dodici (12) di chimica; otto (8) di fisica e matematica. La prova di ammissione ha inizio alle ore 11:00 e per il suo svolgimento è assegnato un tempo di 100 minuti. Le procedure relative e connesse allo svolgimento della prova sono disciplinate nell’Allegato 1, che costituisce parte integrante del presente decreto.

Articolo 4
(Prova di ammissione ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina Veterinaria)
1. La prova di ammissione ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina Veterinaria, alla quale
partecipano i candidati comunitari, i candidati non comunitari di cui all’articolo 26 della Legge n. 189 del
2002 citato in premessa e i candidati non comunitari residenti all’estero, è unica ed è di contenuto
identico in tutte le sedi di prova. Essa è predisposta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della
Ricerca (MIUR) avvalendosi di una Commissione di esperti con comprovata competenza in materia,
individuati nel rispetto dei principi di imparzialità, trasparenza e riservatezza, tenuti al più rigoroso
rispetto del segreto professionale e d’ufficio.
2. La prova di ammissione consiste nella soluzione di sessanta quesiti che presentano cinque opzioni di risposta, tra cui il candidato deve individuarne una soltanto, scartando le conclusioni errate, arbitrarie o meno probabili, su argomenti di: cultura generale e ragionamento logico; biologia; chimica; fisica e matematica. Sulla base dei programmi di cui all’AllegatoA, che costituisce parte integrante del presente decreto, vengono predisposti: dodici (12) quesiti di cultura generale; 10 (dieci) di ragionamento logico; sedici (16) di biologia;sedici (16) di chimica; sei (6) di fisica e matematica.
3. La prova di ammissione ha inizio alle ore 11 :00 e per ilsuo svolgimento è assegnato un tempo di 100
minuti. Le procedure relative e connesse allo svolgimento della prova sono disciplinate nell’Allegato 1, che
costituisce parte integrante del presente decreto.

1 aprile 2019

Allegati:

spacer Il decreto

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top