Breaking news

Sei in:

L’Olanda vieta l’allevamento di animali da pelliccia: 28milioni per riconversione

Per la riconversione, il governo accantonerà annualmente due milioni di euro, sino a mettere a disposizione degli allevatori un totale di 28 milioni di euro. Il Senato olandese ha approvato la legge che mette al bando ogni allevamento di animali per la produzione di pellicce.

Il divieto olandese diventerà effettivo a partire dal primo gennaio 2024, concedendo così 10 anni di tempo per smantellare i 159 allevamenti di visoni dove ogni anno passano sei milioni di animali. Per la riconversione degli allevamenti, il governo accantonerà annualmente 2 milioni di euro, sino a mettere a disposizione degli allevatori un totale di 28 milioni di euro.

Il divieto dell’Olanda, secondo produttore europeo di pellicce di visone, si somma ai divieti già approvati in Austria, Inghilterra, Irlanda del Nord, Scozia, Croazia e Bosnia, mentre la Danimarca, primo produttore europeo, ha stabilito lo stop agli allevamenti a partire dal 2024.

«L’Italia, con i suoi 10 allevamenti e 150mila animali all’anno, non può essere da meno», dice Simone Pavesi, responsabile della Campagna pellicce della Lav. «È necessario che anche il nostro Paese, primo in Europa a vietare il commercio di pellicce di cane e di gatto, prosegua in questo percorso, approvando la proposta legislativa predisposta dalla Lav e già depositata alla Camera e al Senato».

«È un risultato storico – commenta dal canto suo l’Ente Nazionale Protezione Animali – se si considera che l’Olanda è il secondo produttore europeo. Ma ancora più significativo è il fatto che questo Paese ha avuto il coraggio di sfidare forti interessi economici per dare voce ai propri cittadini. L’Italia deve seguire l’esempio olandese e fare altrettanto».

La Stampa – 23 dicembre 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top