Breaking news

Sei in:

Nas, controlli nel Sud Italia: sequestrate 280 tonnellate di cibo. Sanzioni amministrative per 630mila euro

Riscontrate irregolarità in 390 casi (31% circa) e accertate 634 violazioni. Elevate sanzioni amministrative per 630.000 euro

I carabinieri del gruppo Nas di Napoli, competente sui 15 nuclei del Sud Italia, nell’ultimo mese, hanno eseguito 1.300 ispezioni ad attività produttive, commerciali ed esercizi pubblici (stabilimenti di produzione, depositi all’ingrosso, ristoranti, panifici, supermercati). Nel corso del servizio, sono state riscontrate irregolarità in 390 casi (31% circa) e accertate 634 violazioni alle leggi di settore (di cui 80 penali) con sanzioni amministrative pari a 630.000 euro. In totale sono state sottratte al consumo circa 280 tonnellate di alimenti vari perchè detenuti in cattivo stato di conservazione, insudiciati, in strutture sprovviste dei requisiti igienico-sanitari e privi della documentazione utile per la loro rintracciabilità, sequestrate o chiuse 48 strutture, nonché segnalate alle Autorità giudiziarie, sanitarie ed amministrative 400 persone. In particolare, il Nas di Reggio Calabria, coadiuvato dalla Stazione Carabinieri, nell’ambito di un’ispezione presso un supermercato della provincia, ha sottoposto a sequestro due celle frigo in pessime condizioni igieniche – completamente invase da ruggine e muffe, anche sulle scaffalature – e circa 1 tonnellata di alimenti scaduti da 3 – 5 anni (2008) – tra cui insaccati, formaggi, panna, pasta fresca, conserve, ecc. – Visibilmente alterati per la presenza di muffe e liquidi maleodoranti. In particolare, sono stati rinvenuti salumi e formaggi privi di etichetta e/o con etichetta abrasa, contraffatta o cancellata.

A BARI E A PALERMO – Il Nas di Bari, invece, presso un’azienda vitivinicola della provincia – in un deposito non autorizzato e privo dei requisiti previsti dalla normativa – ha sottoposto a sequestro amministrativo 28.000 bottiglie di vino a denominazione di origine controllata privi di capsule di imbottigliamento e della documentazione certificante «Doc» e «Igt», immagazzinati – tra l’altro – in pessime condizioni igieniche con accumulo di sporcizia su pavimenti e pareti. Il Nas di Palermo, presso un’industria di produzione di gelati e di pasticceria surgelata, ha sequestrato 1 tonnellata circa di materie di lavorazione (pan di spagna, rollè cacao, glasse, cioccolato) scadute da diversi mesi. Inoltre, i militari del Nucleo in collaborazione con i Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo, hanno arrestato un pregiudicato 43enne ed un 24enne che vendevano abusivamente alimenti utilizzando come deposito un locale – già sottoposto a sequestro dalla Polizia Municipale di Palermo – all’interno del quale venivano rinvenuti e sequestrati oltre 6 quintali di interiora di bovino (cosidette stigghiole, ndr) congelate abusivamente all’interno di alcuni frigocongelatori allacciati alla rete elettrica pubblica. Ai locali di deposito venivano posti nuovamente i sigilli.

IN PUGLIA – I carabinieri del Nas di Taranto, Lecce e Bari hanno proceduto alla chiusura di 6 attività (depositi prodotti ittici e alimenti, azienda agricola con stabilimento di produzione conserve vegetali, caseificio, ristorante) ed al sequestro di uno stabilimento vinicolo risultato privo di autorizzazione allo scarico dei reflui. Inoltre, i militari dei Nuclei hanno sottoposto a sequestro: circa 600 chili tra prodotti ittici (cozze, calamari, seppie, polpi) – in parte privi di documentazione attestante la rintracciabilità, altri detenuti in cattivo stato di conservazione e sottoposti ad arbitrario procedimento di congelazione e prodotti caseari (cacio ricotta, formaggi, ricotta) privi di etichettatura; oltre 1.600 confezioni tra pasta, pomodori pelati, biscotti, bibite, acque minerali, liquori, detenute in locali non autorizzati ed interessati da carenze igienico sanitarie e strutturali (ragnatele, scaffali metallici con ruggine, pavimento disconnesso, finestre sprovviste di mezzi idonei ad impedire l’accesso di insetti ed animali).

COLDIRETTI – Sarà per questo che sale al 71 per cento la percentuale di italiani in allarme nel 2013 per le alterazioni, le contraffazioni e le falsificazioni dei prodotti alimentari anche per effetto di una crisi che ha determinato un forte taglio alla spesa alimentare delle famiglie e un orientamento verso il ‘low cost’ con minore garanzie di sicurezza. È quanto afferma la Coldiretti plaudendo all’operazione dei Nas. L’operazione dei carabinieri – sottolinea la Coldiretti – è particolarmente rilevante nel Mezzogiorno dove si registra la maggiore incidenza delle spese familiari per l’alimentazione sul totale (25 per cento) rispetto alla media nazionale del 19 per cento. Nel solo primo trimestre del 2013 – conclude la Coldiretti – sono stati effettuati sequestri di prodotti alimentari per un valore di 112,6 milioni di euro secondo i dati del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute (Nas).

28 settembre 2013 | 11:06

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top