Breaking news

Sei in:

Nuovo studio USDA su come nelle diverse regioni il COVID-19 ha colpito gli impianti di lavorazione della carne suina e influito sulla macellazione negli Stati Uniti

Questo documento di lavoro pubblicato dall’USDA esplora il modo in cui la pandemia di COVID-19 ha colpito gli impianti di lavorazione della carne suina negli Stati Uniti, compresa la misurazione dei cambiamenti alla macellazione regionale nel 2020.

L’USDA ha pubblicato un documento di lavoro che descrive come il COVID-19 ha colpito l’industria del confezionamento di carne suina negli Stati Uniti. Il COVID-19 ha avuto un effetto dannoso sui volumi di macellazione regionali nei primi mesi della pandemia, ma ogni regione si è ripresa in modo diverso.
Variazione percentuale nella macellazione commerciale di suini negli Stati Uniti tra aprile e maggio 2020, baseline 2019. Note: livelli di macellazione per alcuni Stati trattenuti per evitare la divulgazione di dati per singole operazioni o non applicabili. Questi Stati vengono visualizzati in bianco nella mappa. Fonte: USDA.
Variazione percentuale nella macellazione commerciale di suini negli Stati Uniti tra aprile e maggio 2020, baseline 2019. Note: livelli di macellazione per alcuni Stati trattenuti per evitare la divulgazione di dati per singole operazioni o non applicabili. Questi Stati vengono visualizzati in bianco nella mappa. Fonte: USDA.

Principali regioni di lavorazione del suino, come la regione 5 (Illinois, Indiana, Michigan, Minnesota, Ohio e Wisconsin) e la regione 7 (Iowa, Kansas, Missouri e Nebraska), avevano tra 30–40% calo dei volumi di macellazione settimanali rispetto al 2019, ma questi cali si sono verificati per circa tre settimane all’inizio della pandemia. Entrambe le regioni sono state temporaneamente colpite e si sono riprese anche se i casi nell’area hanno continuato ad aumentare per il resto del 2020. Queste regioni costituiscono il 73% del totale di carne suina lavorata negli Stati Uniti.

Regioni di trasformazione minori hanno avuto reazioni contrastanti alla pandemia. Ad esempio, la regione 2 (New Jersey e New York) ha registrato un forte calo della macellazione, ma, a differenza delle principali regioni di trasformazione, lo lo shock è durato tutto l’anno—i tassi di macellazione erano inferiori ai livelli del 2019. Il volume totale di macellazione nella Regione 2 è inferiore all’1% del volume totale degli Stati Uniti.

Nel complesso, la maggior parte delle regioni nel 2020 ha registrato aumenti della macellazione totale rispetto al 2019, il che suggerisce che l’industria ha sofferto all’inizio della pandemia, ma ha corretto la produzione e si è almeno parzialmente ripresa.

Il rapporto esamina anche l’effetto che potrebbe avere la posizione degli impianti, le correlazioni tra i casi di COVID-19 e i volumi di macellazione regionali e le dimensioni degli impianti. Leggi il documento completo QUI: Working Paper- Changes in Regional Hog Slaughter During COVID-19

Giovedì 2 dicembre, 2021/ USDA/ Stati Uniti.
https://www.ers.usda.gov

3tre3.it

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top