Breaking news

Sei in:

Pa, piano nazionale anticorruzione. Ma per il Ssn si attende via libera Conferenza unificata

Rotazione dei dirigenti che operano nelle aree a rischio corruzione. Obbligo di astensione in caso di conflitto di interessi. Giro di vite sulle incompatibilità. Tutela dei dipendenti che segnalano illeciti e casi sospetti di malaffare nella p.a.

La strategia anticorruzione degli enti pubblici e delle amministrazioni locali non farà sconti a nessuno. Arrivando persino a vietare ai dipendenti, che hanno esercitato poteri autoritativi o negoziali, di lavorare presso i privati (destinatari della loro attività) nei tre anni successivi alla fine del rapporto di lavoro con la p.a.

L’operazione pulizia nella pubblica amministrazione prevista dalla legge n.190/2012 entra nel vivo grazie alla firma da parte del ministro della funzione pubblica Gianpiero D’Alia della proposta di Piano nazionale anticorruzione. Il piano, come prevede la legge, è stato trasmesso alla Civit (la Commissione indipendente per la valutazione e l’integrità delle amministrazioni pubbliche a cui la legge 190/2012 assegna il ruolo di Autorità nazionale anticorruzione) che ora dovrà approvarlo.  Si tratta di precetti immediatamente operativi salvo che per le regioni, gli enti locali e gli enti del Servizio sanitario nazionale che dovranno prima aspettare il via libera della Conferenza unificata.

ItaliaOggi – 13 luglio 2013 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top