Breaking news

Sei in:

Il veterinario Paolo Cova (Pd) alla Camera: “Salviamo il nostro miele”. E chiede più controlli sanitari e formazione per i produttori

Un miele di qualità, altamente pregiato, ma che va controllato da un punto di vista sanitario, non solo tecnico agronomico. Lo ha chiesto lunedì, nella mozione di cui è primo firmatario, Paolo Cova, parlamentare del Pd e veterinario, intervenendo alla Camera.  “Stiamo discutendo di uno dei gioielli dell’agroalimentare italiano, le cui caratteristiche organolettiche hanno proprietà alimentari e ricostituenti– ha spiegato Cova –. Tant’è che esportiamo quasi 10mila quintali di miele l’anno, poiché è apprezzato a livello mondiale, dall’Europa agli Stati Uniti e persino in India”.

Cova ha affrontato anche la questione della moria delle api: “Nel settore tutti riconducono le cause ai prodotti fitosanitari utilizzati in agricoltura, ma ci sono altri motivi e responsabilità. Tra le cause vi sono le malattie infettive, poi alcuni parassiti, l’uso degli antibiotici e i sulfamidici, di cui è vietato l’uso e che potrebbero interagire con i residui dei fitofarmaci?”.

La proposta di Cova e del Pd è, perciò, quella di “una collaborazione tra la parte sanitaria e quella tecnico agronomica, perché se fino a ora i controlli ricadevano solo e unicamente sotto il Ministero dell’Agricoltura, adesso deve essere anche quello della Salute a occuparsene. C’è poi l’urgenza di avere un’indagine epidemiologica fatta da veterinari esperti, il divieto dell’uso di antibiotici e sulfamidici per evitare il pericolo di essere invasi da miele che viene da altre nazioni e di perdere questa eccellenza dell’agroalimentare italiano, una politica sanitaria ben precisa su questo tema che ricerchi prevenzione e profilassi. E la profilassi e la prevenzione devono essere effettuate da veterinari pubblici e liberi professionisti preparati in materia”.

Agronotizie – 28 maggio 2014 

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top