Breaking news

Sei in:

Passaporto Usa per le carni europee. Si riaprono le frontiere statunitensi ai bovini dopo la chiusura dovuta all’emergenza Bse

Uno dopo l’altro cadono i vincoli sanitari che gli Usa hanno frapposto alle importazioni di prodotti agroalimentari italiani ed europei. Prima è stato il turno dei salumi a breve stagionatura, in giugno, poi quello di pere e mele, in settembre.

Oggi tocca alle carni bovine del vecchio continente, per le quali il divieto statunitense era scattato nel 2004 a seguito degli episodi di Bse (l’encefalopatia spongiforme bovina, ribattezzata “vacca pazza”). Ora le autorità sanitarie Usa (Usda e Aphis) hanno preso atto che gli sforzi per debellare questa malattia hanno dato gli esiti voluti. In Italia, ad esempio, nei tre anni anni dal 2010 al 2012 si è verificato un solo caso di malattia. Nonostante i buoni risultati ottenuti, resta alta in tutta la Ue l’attenzione nei confronti della malattia e vengono seguiti con scrupolo i dettami della Oie (l’organizzazione mondiale per la salute animale). Gli Usa ne hanno preso atto e hanno cosìdeciso di riaprire le loro frontiere agli animali e alle carni prodotte in Europa. “Questa apertura – ha commentato John Clifford, ai vertici di Aphis come responsabile dei servizi veterinari – conferma ai partner commerciali la volontà di allineare le politiche sanitarie statunitensi agli standard internazionali e alle indicazioni che provengono dal mondo scientifico in tema di sicurezza alimentare. Mercati più aperti e nuove possibilità – ha concluso Clifford – che si augura possano contribuire a rimuovere anche le restrizioni ai prodotti americani.”

I riflessi sui mercati

Nel 2004, all’indomani della scelta statunitense di chiudere alle importazioni dalla Ue a causa della Bse, certo tardiva rispetto al picco della malattia, il mercato mondiale delle carni aveva subìto uno “scossone”. Gli Usa, è bene ricordarlo, sono infatti il primo paese sia in quanto a produzione di carne bovina, sia per i flussi di import/export. Così lo stop alle importazioni dalla Ue si era riflesso in unacontemporanea flessione delle esportazioni Usa, che solo nel 2011 sono tornate ai livelli precedenti. Ora gli equilibri potrebbero di nuovo spostarsi dando una boccata d’ossigeno alle esportazioni europee, dove il tasso di auto approvvigionamento è di poco superiore a 100. I prezzi potrebbero beneficiarne, invertendo la tendenza al ribasso dei mercati, condizionati dal calo dei consumi di carne bovina che nell’area europea non accenna a fermarsi. Ad aumentare potrebbero essere però anche le importazioni provenienti d’Oltreoceano, una “variabile” della quale bisognerà tenere conto nel fare previsioni.

Appuntamento al 2014

Per conoscere gli effetti della riapertura delle frontiere americane bisognerà attendere la fine del prossimo mese di gennaio, quandoscadranno i 90 giorni di tempo fra l’emanazione del provvedimento e la sua applicazione. Le autorità statunitensi fanno però notare che la riapertura delle frontiere sarà condizionata dal rispetto delle norme previste dall’Oie sulla classificazione del rischio di ogni singolo Paese di provenienza. In assenza di questa classificazione sarà la statunitense Aphis ad esprimere un giudizio (basato comunque sui parametri stabiliti dall’Oie). Chi non supera questo “esame” potrebbe vedersi negare l’ingresso. A dispetto della sua appartenenza o meno ai 28 paesi della Ue.

AgroNotizie – 5 novembre 2013 

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top