Breaking news

Sei in:

Pecore “duplicate” per la truffa all’Ue, nell’inchiesta partita da Enna si indaga anche per omessi controlli

Omesso controllo al mattatoio delle pecore “duplicate”, gli atti dell’inchiesta della Procura di Enna in arrivo a Latina. Stralciata la posizione dei vertici della Asl. Una vicenda complessa che parte da una presunta truffa ai danni dell’Unione europea.

NELL’OVILE PECORE REDIVIVE. Tutto ebbe inizio oltre un anno fa a Piazza Armerina, comune in provincia di Enna, quando a seguito di controlli per la prevenzione della brucellosi, furono trovati  all’interno di un’azienda agricola 400 capi ovini sprovvisti di marca auricolare ma non del bolo endoruminale, capsula in ceramica contenente microchip per l’identificazione elettronica degli animali, che consentì appunto di trarne un profilo inequivocabile. Le relative numerazioni, o codici identificativi come dir si voglia, inseriti nella banca dati nazionale tuttavia provocarono lo stupore degli addetti.  Le pecore censite in provincia di Enna, in base alla banca, dati risultavano già macellate nel 2011 presso il mattatoio “Eurocarni 2000 srl”, sito a Mazzocchio nella zona industriale di Pontinia.

L’IPOTESI DI TRUFFA AI DANNI DELL’UE. Il sostituto Paola D’Ambrosio della Procura di Enna, dopo la segnalazione dell’anomalia riscontrata dall’esame della banca dati, a questo punto apre un fascicolo per falso e truffa ai danni dell’Unione europea. Perché è a Bruxelles che vengono stanziati i contributi per gli allevatori e vi sarebbero persone disposte a tutto per mantenere in vita il proprio bestiame per non perdere gli aiuti comunitari. E’ per questa ragione che il titolare dell’azienda agricola in cui furono censite le pecore “vive”…  “morte” un anno prima a Pontinia.  Nel registro degli indagati la titolare dell’azienda agricola di Piazza Armerina e il veterinario della Asl pontina responsabile delle operazioni  di macellazione interne al mattatoio di Mazzocchio.      

LA PERQUISIZIONE AL MATTATOIO DI PONTINIA. Poteva finire qui l’inchiesta sulla presunta truffa ai danni dell’Unione europea, ma il pm D’Ambrosio ha lavorato di fino e inviato gli agenti del Nucleo investigativo della forestale di Latina presso il mattatoio della “Eurocarni 2000 srl”. Era agosto 2013 quando i forestali  perquisirono la struttura, portando via tutta la documentazione relativa alle macellazioni e ai capi di bestiame transitati da quella parte.

Corriere di Latina – 10 giugno 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top