Breaking news

Sei in:

Tre spot contro tagli sanità pubblica. Offensiva via web Cgil

Dodici miliardi di tagli dal 2010 al 2014, 10 euro di superticket, 17mila medici in meno entro il 2015 e 20 mila euro in meno inbusta paga.

Sono solo alcuni dei tagli alla sanità contro cui la Fp-Cgil Medici e Dirigenti ha lanciato oggi una nuova campagna web.

08 NOV – Che ne sarà della sanità pubblica italiana dopo tutti i tagli delle ultime manovre? La Fp-Cgil Medici e Dirigenti usa l’ironia per spiegarlo. Non perché ci sia da ridere, ma per raggiungere il grande pubblico, come spiega il segretario nazionale della Fp Cgil Massimo Cozza a Quotidiano Sanità, e far comprendere che la battaglia che i medici stanno conducendo non è in difesa dei loro stipendi e delle loro condizioni di lavoro, ma in difesa di un bene che appartiene a ogni cittadino, cioè il diritto alla salute e a un’assistenza sanitaria di qualità.

Lo strumento scelto dalla Fp-Cgil Medici e Dirigenti per spiegarlo è quello di tre mini spot video che vogliono metaforicamente dimostrare le conseguenze drammatiche che i tagli e le manovre rischiano di avere sulle prestazioni e quindi sui cittadini. Tre episodi che fanno perno sulla risata e l’eccesso, ma che non potrebbero essere più espliciti.

E a causare tutto questo, ricordano la Fp Cgil Medici e Dirigenza, saranno 12 miliardi in meno per la sanità dal 2010 al 2014, 1 miliardo in meno per l’edilizia sanitaria, 10 euro di superticket, 17mila medici in meno entro il 2015, risorse per la formazione al 50% e dimezzamento degli 8mila medici precari, 20 mila euro in meno per il blocco del contratto e della retribuzione, contributo di solidarietà forzoso oltre i 90mila euro solo per i medici pubblici, TFR dopo due anni e poi diluito in tre, rottamazione per chi ha 40 anni di contributi, trasferimenti obbligatori, possibilità di perdita dell’incarico e del livello stipendiale anche se con valutazione positiva, stipendi più bassi rispetto ai colleghi francesi, tedeschi e inglesi.

Quotidianosanita.it – 8 novembre 2011

© Riproduzione riservata

 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top