Breaking news

Sei in:

Ustioni gravi, morto l’uomo che si diede fuoco Montecitorio

Non ce l’ha fatta Angelo di Carlo, di 54 anni. Era ricoverato dall’11 agosto, dopo la disperata protesta contro la precarietà

ROMA – È morto all’alba di domenica 19 Angelo di Carlo, 54 anni, originario di Roma ma da anni trasferitosi a Forlì, l’uomo che l’11 agosto scorso si era dato fuoco davanti a Montecitorio, per protestare contro il suo stato di disoccupazione, visto che da anni lottava con la precarietà. L’uomo, ricoverato da allora all’ospedale Sant’Eugenio di Roma, era rimasto ustionato sull’85% del corpo.

BOTTIGLIA E ACCENDINO – Era l’una di notte quando l’operaio arrivò in piazza Montecitorio, tirò fuori una bottiglia colma di liquido infiammabile e se lo versò addosso, poi con un accendino si diede fuoco. Avvolto dalla fiamme si lancio verso l’ingresso della Camera dei Deputati. I carabinieri, sempre presenti nella piazza, intervennero con gli estintori riuscendo a spegnere quel corpo diventato una torcia.

Angelo di Carlo (dalla pagina Facebook «Informare per resistere»)

AL SANT’EUGENIO – L’uomo venne ricoverato in prognosi riservata al Sant’Eugenio con ustioni di secondo e terzo grado sull’85 per cento del corpo. L’operaio, vedovo, aveva grosse difficoltà economiche a causa della perdita del lavoro, ed era impegnato in un contenzioso con i tre fratelli per un’eredità. Nello zainetto che aveva con sè c’erano, due lettere, una per il figlio, a cui ha lasciato 160 euro

Corriere.it – 20 agosto 2012

 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top