Breaking news

Sei in:

Veneto. Sanità digitale al via multa 9milaeuro medici negligenti

Si chiamano ricette elettroniche, sono quelle che i medici di famiglia e i pediatri devono inviare al ministero della Salute ( via Regione) per consentire l’allestimento del Fascicolo sanitario informatizzato, una storia clinica di ogni cittadino aggiornata e disponibile ai diretti interessati e ai sanitari autorizzati, da qualsiasi luogo e in ogni momento, con evidenti risparmi di tempo e risorse.

L’obiettivo (nome in codice «Doge) è ambizioso e rientra nell’accordo tra Veneto e il ministro Renato Balduzzi, che ha contribuito al finanziamento del progetto. Tutto bene, allora? Non proprio. A giugno la sanità regionale ha concluso l’adeguamento del suo sistema informatico ai software house dei medici – incassando il via libera ministeriale – ma una parte dei camici bianchi non si è rivelata altrettanto puntuale. Il programma concordato prevede che il 50% delle ricette sia inviata per via digitale entro l’1 ottobre e che tale percentuale salga all’80% entro il 31 dicembre. Non si tratta di un optional: in cambio della collaborazione prestata, i 4 mila medici veneti coinvolti hanno ricevuto un’indennità di circa 4800 euro ma se non rispetteranno i tempi pattuiti si esporranno a sanzioni – leggi riduzione del trattamento economico complessivo pari all’1,15 % su base annua e sospensione dell’indennità per la forma associativa di appartenenza – che in molti casi potranno superare i 9 mila euro. Ma com’è la situazione e qual è l’indice di rispetto nelle diverse aziende sanitarie? Gli ultimi dati disponibili sono aggiornati al 30 giugno e segnalano un andamento altalenante nelle 21 Ulss di competenza. Benissimo Belluno, Feltre,Adria, Legnago dove la quota dei “medici invianti” ha già superato il 70%; bene Padova, Cittadella, Este, Rovigo e Thiene, con percentuali tutte superiori al 60%. Attardate le aziende della Marca – Treviso, Asolo, Pieve di Soligo – e Vicenza, che non raggiungono i 40 punti percentuali. Male, anzi malissimo, nel Veneziano – dal capoluogo a Chioggia, da Mirano a San Donà di Piave – rimaste a quota zero, un exploit negativo condiviso con Verona, Bussolengo e Arzignano. Attenzione, la tabella risale a oltre un mese fa e c’è tempo fino al primo ottobre per centrare il traguardo. Qualcosa però, nelle aziende-lumaca, non ha funzionato. In proposito, lo staff del manager Domenico Mantoan segnala problemi sindacali, inadeguato avvio dei test digitali, “arruolamento” ritardato dei medici e mancata disponibilità di questi ultimi a causa del mancato pagamento delle indennità. Tant’è: in Regione c’è ottimismo circa il rispetto finale delle scadenze e si fa notare che in molti casi le aziende e i medici stanno rapidamente recuperando il tempo perduto. Sulla vicenda, da opposti versanti, intervengono l’assessore competente Luca Coletto e il consigliere-medico dell’Idv Antonino Pipitone. Il primo vede rosa e sottolinea il valore «strategico» dell’operazione: «Costerà 12 milioni di euro e produrrà risparmi per le Ulss pari a 111 milioni annui nonché minori spese per il cittadino, in termini di spostamenti e perdite di tempo per ritirare i documenti, pari ad altri 104 milioni l’anno». Il dipietrista è di tutt’altro avviso: «Dal punto di vista operativo si è scelto lo spezzatino. Invece di un collettore unico regionale, da noi si è sbriciolato il sistema in 21contenitori aziendali, uno per Ulss. E quel che è peggio, ogni azienda sanitaria si è mossa per conto proprio, facendo una gara di appalto per la fornitura del software ed un’altra gara distinta per la manutenzione del sistema. Con tanti saluti all’economia di scala».

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top