Breaking news

Sei in:

Verona. Esche avvelenate. L’anno scorso 12 casi, solo due positivi al test. I dati del monitoraggio del Dipartimento veterinario dell’Ulss 20

Dodici segnalazioni, di cui solo due risultate positive. È il bilancio dell’attività di monitoraggio svolta nel 2014 dal Dipartimento veterinario dell’Ulss 20 contro il fenomeno dei bocconi avvelenati. «Rispetto al recente passato i casi certi di avvelenamento sono diminuiti», spiega il dottor Fabrizio Cestaro, «e sono concentrati in alcune zone».

Anche l’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie ha recentemente diffuso i dati relativi all’attività svolta tra il 201 le il 2013. Nel triennio analizzato i casi sospetti sono stati 1.300, di cui circa il 40% risultati positivi alle analisi tossicologiche. Le sostanze più usate per la preparazione di esche sono i rodenticidi anticoagulanti che, insieme a metaldeide e carbarnmati, costituiscono il 75% delle sostanze usate. Le specie più colpite sono il cane e il gatto, mentre il 10% dei casi coinvolge volpi e volatili. Un problema reale, insomma, che ha indotto il ministero della Salute a prorogare l’ordinanza sulle «Norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati». L’ordinanza prevede l’obbligo da parte dei servizi veterinari di avviare le indagini di laboratorio mentre ai Comuni è demandato il compito di circoscrivere e bonificare le aree e di procedere alle indagini del caso. Per gli esperti non si deve creare allarmismo sulle esche killer –

L’Arena – 10 marzo 2015 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top