Breaking news

Sei in:

Verona. Morso dal cane del vicino. Ferito a braccio e mano. Il meticcio rientrava dalla passeggiata quando si è scagliato contro l’uomo che stava ritirando un pacco

Era uscito di casa per ritirare un pacco consegnatogli da un corriere quando è stato morso dal cane del vicino. Così ha chiesto subito l’intervento della polizia municipale il trentottenne di San Michele che martedì, in via Caperle, è stato aggredito dall’animale, un possente meticcio di 40 chili, riportando ferite ad un braccio e alla mano. Secondo quanto accertato dai vigili di quartiere, il cane stava rientrando da un’uscita con la figlia quattordicenne del padrone dell’animale, quando si è scagliato contro il vicino, che stava ritirando il pacco dal corriere. La ragazza, che non era riuscita a trattenerlo, lo ha poi messo al sicuro in casa in attesa dei genitori. Gli agenti hanno identificato la madre della quattordicenne e acquisito tutti i dati sia sull’animale che sulla relativa copertura assicurativa, in vista di un eventuale risarcimento danni. Per il cane, che, a quanto è emerso dalla ricostruzione degli agenti, non si era mai reso protagonista di episodi analoghi, non ci saranno conseguenze, anche se già in passato il veterinario aveva consigliato alla famiglia la gestione dell’animale da parte di un adulto, vista la mole e il temperamento vivace. La posizione dei proprietari è al vaglio della polizia municipale.

I PRECEDENTI. Solo qualche giorno fa un altro episodio di cani scagliatisi contro le persone, a Torri: in quel caso due fratelli di 52 e 54 anni erano stati aggrediti improvvisamente dal loro cane, un American Staffordshire terrier di un anno, riportando morsi e ferite profonde alle gambe, tanto che era stato necessario il loro trasferimento m ospedale in elicottero. L’animale, in passato, aveva già aggredito una donna. Lo stesso giorno, altro episodio in un parcheggio a Veronetta, in cui un cane della stessa razza aveva azzannato un’anziana al braccio mentre tentava di proteggere la sua cagnolina. In quel caso la proprietaria  si era allontanata senza prestare soccorso. Molto clamore aveva suscitato anche il caso del rottweiler che, libero e senza museruola, aveva seminato i panico a Villafranca ferendo tre persone, e quello della bimba i soli due anni aggredita dal suo cane nel giardino di casa alla vigilia di Pasqua, che aveva dovuto subire diversi interventi alla mano e al volto. Lo scorso febbraio ad avere la peggio era stata invece una cagnolina a passeggio con il suo padrone, azzannata e uccisa da un pitbull scappato da un giardino a Borgo Roma. La cagnolina era morta il giorno dopo per le ferite riportate, i proprietari denunciati.

L’Arena – 22 giugno 2017

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top