Breaking news

Sei in:

Ad aprile il «730» precompilato. Niente controlli formali per chi accetta. Registrazione spese mediche debutterà nel 2016

730 denucia preIl 730 precompilato diventa realtà a partire dalle dichiarazioni dei redditi da presentare nel 2015 per circa 20 milioni di italiani. Dopo il via libera al Dlgs da parte del Consiglio dei ministri di ieri, diventa così realtà una parte rilevante della delega fiscale (pure in ritardo nel suo complesso come lamenta il sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti); ma ottiene il via libera anche un importante pacchetto di semplificazioni fiscali che vanno dalle successioni ai rimborsi Iva più agevoli, dalla fiscalità internazionale alle detrazioni per le spese di pubblicità e sponsorizzazioni e alle spese dei professionisti. Partiamo dalla novità più attesa, il 730 precompilato, che riguarda lavoratori dipendenti e pensionati. La “rivoluzione” (e cioè il fatto che sarà il Fisco a fare i conti e non i contribuenti) scatterà per i redditi conseguiti nel 2014 e quindi l’operatività è per le dichiarazioni del 2015.

Le Entrate dovranno incrociare i numeri forniti (in entrata e in uscita per il contribuente) dalle banche dati e i tempi di attuazione per l’Agenzia sono davvero stretti, visto che i moduli compilati con i redditi e le detrazioni dovranno essere resi disponibili online entro il 15 aprile.

I dati inseriti saranno quelli dell’Anagrafe tributaria ma anche quelli trasmessi da parte di soggetti terzi (ad esempio banche, assicurazioni ed enti previdenziali) e quelli contenuti nelle certificazioni dei sostituti d’imposta: questi dovranno comunicare i redditi da lavoro e le trattenute e, se lo faranno in ritardo, saranno sanzionati con 100 euro per ciascun lavoratore. La dichiarazione sarà messa a disposizione online entro il 15 aprile e il cittadino potrà accettarla così com’è oppure modificarla, rettificando i dati e aggiungendone altri. Potrà farlo da solo o con l’assistenza dei Caf e di professionisti abilitati: la scadenza di presentazione è il 7 luglio.

«Una rivoluzione epocale per i contribuenti e il sistema italiano», ha spiegato Rossella Orlandi, direttore dell’agenzia delle Entrate. Che ha sottolineato come cambi radicalmente anche il meccanismo dei controlli: infatti, «se la precompilata sarà accettata senza modifiche il Fisco non potrà chiedere nulla in più al contribuente, mentre vanno combattute le frodi che sono in forte crescita».

Novità anche per la dichiarazione di successione che non è più necessario presentare quando l’eredità, devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta, ha un valore non superiore a 100mila euro e non comprende immobili o diritti reali immobiliari.

Per quel che riguarda il bonus energia, stop alla comunicazione alle Entrate per i lavori ammessi alla detrazione che proseguono per più periodi d’imposta.

Novità anche per vitto e alloggio dei professionisti. Infatti, si è stabilito che queste spese non costituiscono compensi in natura per chi ne usufruisce. Di conseguenza, il professionista non dovrà più riaddebitare in fattura tali spese al committente e non dovrà più dedurre l’ammontare.

Per quel che riguarda i rimborsi Iva sono stati azzerati gli adempimenti per le somme fino a 15mila euro (ora la soglia è di 5mila euro) e non vengono fissati limiti all’ammontare dei rimborsi in favore dei contribuenti «non a rischio», per i quali non è più necessaria la prestazione della garanzia a favore dello Stato. Inoltre vengono semplificate le dichiarazioni di società o enti che non hanno la sede legale o amministrativa in Italia, non richiedendo loro dati già in possesso dell’amministrazione finanziaria. Sale anche a 10mila euro il limite per comunicare, solo annualmente, le operazioni con i Paesi in black list.

Per quel che riguarda le spese pubblicitarie e promozionali è prevista una detrazione forfetaria del 50% sia per la pubblicità sia per le sponsorizzazionI per associazioni senza scopo di lucro, sportive-dilettantistiche e le pro-loco. Infine, le spese di rappresentanza: si potrà detrarre l’Iva sulle spese di rappresentanza sostenute per l’acquisto di beni che hanno un costo unitario fino a 50 euro (ora era fino a 25,82 euro), uniformando la norma a quella delle imposte sui redditi.

La registrazione delle spese mediche debutterà nel 2016

Dal 2015 l’agenzia delle Entrate – utilizzando le informazioni disponibili in Anagrafe tributaria, i dati trasmessi da soggetti terzi (banche, assicurazioni, eccetera) e i dati contenuti nelle certificazioni dei sostituti di imposta – entro il 15 aprile di ciascun anno renderà disponibile telematicamente ai titolari di redditi di lavoro dipendente (inclusi i pensionati) e assimilati la dichiarazione precompilata. Dal 2016 è prevista anche l’implementazione dei dati ricevuti con il sistema Tessera sanitaria, che consentirà agli uffici fiscali di integrare le informazioni riguardanti le spese sanitarie.

La dichiarazione sarà resa disponibile: direttamente al contribuente, mediante i servizi telematici delle Entrate; conferendo delega tramite il proprio sostituto di imposta che presta assistenza fiscale; tramite un Caf o un intermediario abilitato; attraverso eventuali sistemi alternativi da individuare con provvedimento del direttore delle Entrate.

Una volta ricevuta la dichiarazione precompilata il contribuente può accettarla nella forma in cui è ricevuta o integrarla (fatta salva la facoltà di presentare autonomamente la dichiarazione dei redditi con le modalità ordinarie).

In caso di accettazione senza modifiche e trasmissione (entro il 7 luglio) della dichiarazione direttamente in via telematica o tramite il sostituto d’imposta, l’amministrazione finanziaria non effettuerà il controllo formale sui dati forniti con le certificazioni reddituali e su quelli relativi a oneri contenuti nella dichiarazione precompilata forniti da soggetti terzi (rimanendo comunque possibili i controlli sulle condizioni soggettive per il diritto alla detrazione di tali oneri, nonché la verifica circa la spettanza di agevolazioni e oneri certificati dai sostituti di imposta per i quali gli stessi non hanno operato le trattenute).

Sempre in caso di accettazione senza modifiche, non si effettueranno i controlli preventivi sulle detrazioni per carichi di famiglia in caso di rimborso complessivamente superiore a 4mila euro, anche determinato da eccedenze d’imposta derivanti da precedenti dichiarazioni.

Nell’ipotesi in cui la dichiarazione sia presentata con modifiche che incidono sulla determinazione del reddito o dell’imposta, il contribuente non beneficerà dell’esclusione dai controlli.

Ove, infine, la dichiarazione precompilata, con o senza modifiche, sia presentata mediante Caf o professionista, il controllo formale sarà effettuato nei confronti di tali soggetti anche con riguardo ai dati relativi agli oneri forniti da soggetti terzi contenuti nella dichiarazione predisposta dalle Entrate.

Il Sole 24 Ore – 31 ottobre 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top