Breaking news

Sei in:

Allerta. Corpo estraneo in cioccolato dalla Germania e frammenti di vetro in vino dal Sudafrica. Ritirati dal mercato europeo 63 prodotti

Nella settimana n°23 del 2015 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 63 (8 quelle inviate dal Ministero della salute italiano). L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende due casi: corpo estraneo (filo di 1,5 cm) in barretta di cioccolato dalla Germania; frammenti di vetro (molto piccoli) in vino dal Sudafrica.

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: Mycobacterium tuberculosis (Mycobacterium bovis) in frattaglie di bovino provenienti dalla Romania; sostanza non autorizzata (E 251 – nitrato di sodio) in tonno fresco (Thunnus albacares) dalla Spagna; cadmio in calamari congelati (Illex spp) argentini; Salmonella spp. e Salmonella typhimurium in carne suina congelata dalla Germania; mercurio pesce spada fresco (Xiphias Gladius) dalla Spagna.

E ancora: lumache vive dal Marocco, via Spagna infestate da larve di insetti; sostanza non autorizzata (E 452 – polifosfati) in tonno fresco dalla Spagna; Salmonella spp. in germogli di soia provenienti dai Paesi Bassi; presenza di DNA di ruminanti in proteine animali trasformate destinate a mangime provenienti da Spagna.

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato, la Svizzera segnala la presenza di Listeria monocytogenes in gorgonzola.

Il Fatto alimentare – 10 giugno 2015

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top