Breaking news

Sei in:

Aviaria, il sottotipo H5N1 mette a rischio il Ringraziamento in Usa: meno tacchini e prezzi più alti

Un sottotipo del ceppo H5N1 dell’influenza aviaria mette a rischio il Ringraziamento negli Stati Uniti. Un numero record di polli e tacchini è morto in Usa a causa dell’aviaria di quest’anno, particolarmente infettiva.

Il sottotipo H5N1

Dei 15 sottotipi di virus aviari, H5N1 circolante dal 1997, è stato identificato come il più preoccupante proprio per la sua capacità di mutare rapidamente e di acquisire geni da virus che infettano altre specie animali. Gli uccelli che sopravvivono a H5N1 lo rilasciano per un periodo di almeno 10 giorni. Dall’inizio del 2003, H5N1 ha effettuato una serie di salti di specie, acquisendo la capacità di contagiare anche gatti e topi, trasformandosi quindi in un problema di salute pubblica ben più preoccupante. La capacità del virus di infettare i maiali è nota da tempo, e quindi la promiscuità di esseri umani, maiali e pollame è notoriamente considerata un fattore di rischio elevato.

Abbattimenti e divieto di esportazione

Più di 47 milioni di uccelli sono morti negli Stati Uniti a causa di infezioni e abbattimenti, causando anche divieti di esportazione, una riduzione della produzione di uova, scarsità di tacchini e un aumento dei prezzi. L’epidemia aggrava ancor di più la situazione inflattiva che si registra negli ultimi mesi e mette a rischio le festività in Usa.

Una delle peggiori epidemie Usa

Nel 2015, 50,5 milioni di uccelli sono morti per l’epidemia più mortale degli Stati Uniti, considerato il peggior evento di salute animale della nazione fino ad oggi. Il sottotipo del ceppo H5N1 del virus è sopravvissuto anche alle torride temperature dell’estate, che di solito riducono la diffusione dell’influenza aviaria, ha affermato Rosemary Sifford, capo veterinario del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti (Usda) alla Reuters.

La diffusione in Europa

Lo stesso sottotipo, noto anche come goose/Guangdong lineage, si sta diffondendo in Europa, ha detto il capo veterinario dell’Usda e già quasi 50 milioni di pollame sono stati abbattuti. Il virus colpisce una gamma più ampia di uccelli selvatici, come le anatre, rispetto al passato e sembra vivere negli uccelli più a lungo. Una minaccia che potrebbe persistere fino all’estate 2023 durante la migrazione. Per questo si sta procedendo con un elevato grado di monitoraggio degli uccelli selvatici.

La produzione di carne

La produzione di carne di tacchino quest’anno è destinata a diminuire del 6% dal 2021, a 5,2 miliardi di sterline, secondo i dati Usda. I prezzi al dettaglio del petto di tacchino fresco disossato e senza pelle hanno raggiunto il record di 6,70 dollari per libbra il mese scorso, in aumento del 112% rispetto all’anno precedente e del 14% in più rispetto al record precedente del 2015, ha affermato l’American Farm Bureau.

Aumento dei prezzi

Gli agricoltori statunitensi, che devono affrontare costi elevati per mangimi e manodopera, stavano già tagliando la produzione prima dell’epidemia a causa del calo dei profitti. Le scorte di petti di tacchino nelle celle frigorifere hanno raggiunto il minimo storico quest’anno.

 

fonte: https://www.aboutpharma.com/animal-health/aviaria-il-sottotipo-h5n1-mette-a-rischio-il-ringraziamento-in-usa-meno-tacchini-e-prezzi-piu-alti/

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top