Breaking news

Sei in:

Bassa Veronese. Stalla incendiata: 63 tori ustionati e abbattuti. Devastante rogo martedì sera, partito dalla scintilla di una saldatrice: inagibile la struttura

Una vampata di fuoco partita dalla scintilla di una saldatrice brucia il tetto di due stalle e costringe i proprietari a macellare 63 tori. Rapido e devastante incendio, a Zimella, in via Stazione. Nell’azienda agricola dei fratelli Foletto, in pochi minuti è successo il finimondo. Gravi le conseguenze, sia emotive che economiche.

Giorgio Foletto racconta quei paurosi e drammatici attimi. «Martedì, alle 19.30, io e i miei fratelli eravamo in uno dei ricoveri per riparare un box rotto da un toro». In quel momento nella stalla non vi erano animali: un carico con nuovi vitelli sarebbe arrivato nella notte. I fratelli stavano saldando il divisorio in ferro di un recinto quando una favilla è finita in un residuo di liquame. «È partita una fiamma che ha lambito il soffitto che ha iniziato a bruciare in pochi secondi. Siamo fuggiti e abbiamo chiamato i pompieri». Per la concitazione, Foletto ha chiamato il Suem anziché il 115. Intanto, le fiamme sono passate attraverso una fessura, a pochi centimetri dal soffitto, intaccando la stalla adiacente, dove c’erano 63 tori charoláis di 17 mesi. I pezzi di metallo e poliuretano presenti nel tetto e attaccati dal fuoco, sono colati sulle schiene dei tori provocando gravi lesioni. Si è formata una colonna di fumo nero visibile a chilometri di distanza. I tori hanno inalato anche i gas nocivi della combustione. Sul posto sono giunte le autobotti di Lonigo, Verona e Legnago, i carabinieri di Cologna e il veterinario dell’azienda, oltre al sindaco Alessia Segantini e la responsabile veterinaria dell’Ulss 20 Judith Moser. I vitelli sono stati fatti uscire dalla stalla: il veterinario ne ha verificato le condizioni. I pompieri hanno impedito che il rogo di propagasse ad altre stalle. L’allevamento è molto grande: conta un migliaio di tori. «Abbiamo telefonato all’autotrasportatore per portare i vitellini in un’altra azienda», dice Foletto. «I veterinari ci dicevano che i tori feriti sarebbero stati abbattuti». All’una di notte, gli animali sono soppressi in un macello del Trevigiano. I pompieri hanno dichiarato inagibile la struttura. I tetti, rinnovati un anno fa,, erano assicurati ma la perdita dei tori, del valore di 50 mila euro, difficilmente sarà rifondata.

L’Arena – 23 aprile 2015 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top