Breaking news

Sei in:

Cervi in Cansiglio. La commissione agricoltura decide: «Selezione controllata. Caccia anche in foresta»

Poveri cervi, la loro sorte è segnata, a sentire la Commissione Agricoltura del Consiglio regionale. Non solo fuori della foresta, ma anche all’interno, come invece il presidente Luca Zaia non vuole. Il Governatore, dunque, è stoppato su tutta la linea. Prioritaria, infatti, è la salvaguardia della foresta, gravemente danneggiata dai 3 mila cervi, di cui almeno 1200 in sovrannumero.

«La selezione controllata, ovviamente effettuata rispettando regole chiare, viene ritenuta lo strumento più idoneo per riportare nel Cansiglio la popolazione dei cervi a dimensioni compatibili con l’ambiente e le attività della zona» scrive, infatti, la Commissione che ieri si è riunita sull’altopiano, ascoltando anche i sindaci, nell’atto di indirizzo che sarà inviato al governatore Zaia.

Il quale viene smentito dalla stessa Commissione: «Altre misure, come l’introduzione del lupo e dell’orso, la sterilizzazione delle femmine o il trasferimento degli animali in altre zone paiono infatti o impercorribili o di difficile applicazione e comunque non sufficienti per il raggiungimento degli obiettivi che il Piano della Regione dovrà porsi: la conservazione di una delle più interessanti e storiche foreste del paese; la protezione dell’agricoltura; la salvaguardia dello stesso patrimonio animale che una situazione di sovrannumero di capi sicuramente comprometterebbe». Il documento non fa distinzione in merito alla caccia dentro e fuori la foresta; dice che deve svolgersi secondo le regole vigenti. Ed oggi, in foresta, possono cacciare le guardie venatorie. Ma le critiche a Zaia arrivano anche da un altro versante. «Unanime l’auspicio che il nuovo Piano per il prelievo controllato e la protezione del territorio del Cansiglio, non rimanga lettera morta come in gran parte successo con quello precedente, approvato nel 2010, in scadenza proprio in questi giorni». A far sospendere quel piano di abbattimento è stato Zaia, applauditissimo da ambientalisti e protezionisti. A decidere un tanto sono stati, oltre al presidente Davide Bendinelli, i consiglieri Possamai, Azzalin, Reolon, Bond, Bortoli, Bottacin, Corazzari, Franchetto, Furlanetto, Marotta, Peraro, Pettenò, il presidente del Consiglio Clodovaldo Ruffato, il vicepresidente Matteo Toscani e l’assessore alla caccia Daniele Stival

La Tribuna di Treviso – 12 settembre 2013

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top