Breaking news

Sei in:

Conte (Lista Tosi): “L’Ulss 15 Alta Padovana giudicata la migliore d’Italia sparirà mangiata da Bitonci che vuole annetterla a Padova con il silenzio compiacente dell’assessore Pan”

“L’Ulss 15 Alta Padovana giudicata la migliore d’Italia sparirà mangiata da Bitonci che vuole annetterla a Padova con il silenzio compiacente dell’assessore Pan”. Lo dice il consigliere regionale Maurizio Conte (Lista Tosi) ricordando la puntata di “Porta a Porta” dove snocciolando dati e risultati del lavoro svolto da dipendenti dell’Azienda, dal management e dai Sindaci dei 28 Comuni l’Ulss 15 Alta Padovana è risultata la migliore d’Italia sia per i servizi erogati che per i risultati di bilancio.

Prosegue Conte: “Una riforma seria della sanità veneta doveva semplicemente copiare quanto fatto da questa Ulss ed estenderlo a tutta la Regione Veneto. E invece no. Come premio, per essere stati i migliori, spariremo nelle pieghe di una Ulss unica della Provincia di Padova dove noi siamo gli unici ad avere i conti in ordine mentre Ulss n. 16 Padova e 17 Este navigano in un profondo rosso”. Per Conte i responsabili della cancellazione dell’Ulss 15 sono “il sindaco di Padova Massimo Bitonci con il colpevole silenzio dell’assessore cittadellese Giuseppe Pan. Bitonci annettendo la nostra Ulss 15 virtuosa sanerà i conti in deficit per alcune decine di milioni di euro di Padova e i nostri ospedali di Cittadella e Camposampiero diventeranno succursali abbandonate a se stesse”. “Noi non lo vogliamo, abbiamo lottato per molti anni per avere ospedali all’avanguardia, sono stati fatti sacrifici e sono stati investiti molti soldi dei contribuenti per questi risultati. Bitonci, se è bravo come dice di essere, metta apposto il bilancio dell’Ulss di Padova con i propri soldi senza usare quelli degli altri comuni”, aggiunge il tosiano. Conte rincara la dose pensando agli scenari futuri: “Temo che questo sia solo il primo passo di uno schema che vedrà Cittadella “serva” di Padova in tutto e per tutto e dove le nostre identità saranno sacrificate per alimentare il fuoco bitonciano, anche in prospettiva della realizzazione del nuovo polo ospedaliero di Padova che assorbirà tutte le nostre eccellenze e professionalità sanitarie”.

8 settembre 2016 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top