Sei in:

Influenza aviaria, aggiornate le zone ad alto rischio di introduzione e diffusione. Il Minsalute modifica la precedente mappatura

Il Ministero della Salute ha aggiornato la mappa delle Zone (A e B), considerate ad alto rischio. Modificato di conseguenza l’Allegato II della precedente mappatura contenuta nella nota dello scorso novembre.
Il nuovo Allegato II diffuso ai Servizi Veterinari e notificato alla Commissione Europea, distingue le Zone (A e B) in
a) zone ad alto rischio di introduzione e di diffusione,  (Zone A)
b) zone ad alto rischio di introduzione e di maggiore diffusione (Zone B).
I territori, diversamente classificati in A e B, coinvolgono i territori di sette regioni: Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Piemonte, Umbria e Veneto
La classificazione è prevista dall’Accordo Stato Regioni del 25 luglio 2019, in attuazione della Decisione della Commissione Europea del 10 agosto 2018.
Le Zone B, evidenziate in rosso, sono presenti in Lombardia, Veneto (provincia di Verona) e Lombardia

NOTA ZONE ALTO RISCHIO del 4 febbraio 2020

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top