Breaking news

Sei in:

Intersindacale Ssn lancia il Sanità Day il 28 giugno a Roma in difesa della sanità pubblica

1a1a1_1131011montecitorioLe organizzazioni sindacali dei medici, veterinari, dirigenti sanitari, tecnici, professionali ed amministrativi dipendenti e convenzionati con il Servizio Sanitario nazionale e della ospedalità privata chiamano a raccolta l’Italia intera per il “Sanità Day”, l’evento che il 28 giugno intende unire tutta l’Italia in difesa della sanità pubblica e dei professionisti che tutelano la salute dei cittadini secondo i principi dell’articolo 32 della Costituzione ed i codici deontologici. Al centro della manifestazione la crisi della sanità pubblica che, stretta tra de-finanziamento, spending review, conflitti istituzionali, commissariamento dei commissari regionali alla Sanità, fuga della politica «minaccia di cambiare pelle al nostro servizio sanitario pubblico e nazionale che rappresenta un valore fondamentale per il Paese».

«Diminuisce il perimetro di intervento pubblico, si riduce il numero dei presidi sanitari pubblici ma aumentano quelli privati puri che operano al di fuori del Ssn, cresce il ticket a carico dei cittadini favorendo il trasferimento di risorse economiche nel settore privato, sale il carico fiscale mentre calano quantità e qualità dei servizi sanitari erogati. Un sistema pubblico povero per i poveri è quello che si intravede in prospettiva».

Con queste premesse ventitre sigle (Anaao Assomed, Cimo-Asmd, Aaroi-Emac, Fp Cgil medici, Fvm, Fassid, Cisl medici, Fesmed, Anpo-Ascoti-Fials medici, Sds Snabi, Aupi, Fp Cgil spta, Sinafo, Fedir sanità, Sidirss, Fimmg, Sumai, Intesa sindacale, Smi, Fimp, Cimop, Ugl medici, Federspecializzandi) dei medici, veterinari, dirigenti sanitari, tecnici, professionali ed amministrativi dipendenti e convenzionati con il Servizio Sanitario nazionale e della ospedalità privata hanno indetta una conferenza stampa il 20 giugno a Roma in preparazione del «Sanità day» che si svolgerà in tutta Italia il 28 giugno in difesa della sanità pubblica e di «professionisti che tutelino la salute dei cittadini secondo i principi dell’articolo 32 della Costituzione ed i codici deontologici.del Ssn»

Secondo i sindacati le risposte ai problemi quotidiani di medici e dirigenti sanitari vengono «travolte»:

°la crisi dei Pronto soccorso non è da considerare finita solo perché è scomparsa dalle prime pagine dei giornali;

°il contenzioso medico-legale non è diminuito solo perché le aziende evitano di assicurarsi;

°i carichi di lavoro non sono diventati meno pesanti solo perché le aziende, pur di risparmiare, negano i servizi;

°le dotazioni organiche continuano a ridursi sino a pregiudicare i servizi di assistenza;

°le proposte sul precariato, sulle cure primarie e sulla responsabilità professionale discusse presso il ministero della Salute sono rimaste senza esito.

Il medico, speigano i sinmdacati, è lasciato sempre più solo alle prese con cittadini arrabbiati e magistrati che gli negano ciò che rivendicano per se stessi: il diritto di giudicare in serenità richiama il diritto di curare in serenità.

«Le Regioni, da una parte continuano a permettere che l’università si comporti come variabile indipendente, normativa ed economica, condannando l’intero sistema di formazione post-laurea a ristrettezze di numeri e di percorsi professionalizzanti, con pesanti disagi di sede per medici e sanitari in formazione, cartina di tornasole della sanità che qualcuno ha in mente, dall’altra giocano con inaccettabile spregiudicatezza la carta della riduzione numerica delle strutture complesse e semplici, ospedaliere e territoriali, con il forte rischio di tagli di strutture e servizi per i cittadini dietro l’alibi di discutibili documenti “tecnici”».

«Né sfugge ad alcuno – scrive l’intersindacale in un comunicato – che il ministro non ha ancora illustrato alle organizzazioni sindacali una soluzione strutturale per la libera professione intramoenia “allargata” che rimane ancora incerta, nel merito e nella tempistica. Mentre ministero e Regioni animano un tavolo tecnico che produce a getto continuo ipotesi di ridefinizione delle competenze professionali in sanità, senza neanche coinvolgere i sindacati medici e della dirigenza sanitaria».

sanita.ilsole24ore.com – 9 giugno 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top