Breaking news

Sei in:

Legge-emiliana benessere animali. Filippi (Pdl): senza modifica cani a rischio

Il Consigliere regionale del Pdl Fabio Filippi ha presentato un atto ispettivo alla Giunta per chiedere la revisione della legge regionale sul benessere animale.

“La legge regionale n. 3 del 2013 “Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 17 febbraio 2005, n. 5 (Norme a tutela del benessere animale) mostra evidenti storture, partorite dall’integralismo animalista di cui è figlia e che i più accorti e di buon senso aveva richiamato fin dalla presentazione del progetto di legge”. È quanto afferma Fabio Filippi.

“L’Emilia-Romagna – spiega Filippi – aveva già una legge funzionale a tutela del benessere degli animali d’affezione, quella appunta del 2005, che prendeva le mosse dall’accordo Stato-Regioni sottoscritto nel 2003, ma pur di accondiscendere alle pretese della lobby animalista, sempre molto abile nel gioco del ricatto politico nei confronti di una maggioranza di centrosinistra smarrita e priva di una progettualità forte, l’Amministrazione regionale ha deciso ancora una volta di fare la prima della classe. A farne le spese saranno i proprietari di cani che detengono i loro amici a quattro zampe in ricoveri all’aperto. In questo caso, infatti, la nuova legge regionale obbliga i proprietari a garantire al loro cane un ricovero con le stesse dimensioni strutturali e caratteristiche tecniche di quello previsto per i canili pubblici o gli allevamenti canini operanti nel territorio regionale. Una vera forzatura che urta il buon senso, anche perché i cani detenuti in appartamento non sono menzionati nella legge e ciò crea un’ingiustificabile sperequazione: il proprietario di un cane di grossa taglia che vive con il proprio animale in un piccolo appartamento non è chiamato ad alcun intervento, mentre chi ha un cane di taglia assai inferiore e vive in campagna, pensiamo a contadini, cacciatori, tartufai, sarà obbligato a provvedere al ricovero dei propri cani secondo standard da monolocale o camera d’albergo”.

“Il vero rischio di queste nuove norme – conclude Filippi – che prevedono costi esorbitanti e tanta burocrazia per gli adeguamenti previsti, è che possono costringere i proprietari più poveri a separarsi dal loro cane, lasciandolo in affido ai Comuni, possono spingere quelli senza scrupoli ad abbandonarli o a sopprimerli, facendo aumentare il fenomeno del randagismo, finora efficacemente contrastato. Minore sarà inevitabilmente l’acquisto di nuovi cani e l’adozione di cani dai canili. Contro queste norme inique e pericolose occorre intervenire al più presto”.

Ufficio Stampa

Gruppo Assembleare Pdl Fabio Filippi

Bologna, 30/05/2013

il Consigliere Fabio Filippi

Bologna, 30/05/2013

Presidente dell’Assemblea Legislativa Palma Costi

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

Il sottoscritto, Fabio Filippi, Consigliere regionale del Popolo della Libertà;

Premesso

Che la legge regionale n. 3 del 2013 “Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 17 febbraio 2005, n. 5 (Norme a tutela del benessere animale)”, appena entrata in vigore, mostra evidenti storture;

Che l’Emilia-Romagna, come previsto dall’accordo Stato-Regioni sottoscritto nel 2003, aveva approvato nel 2005 una legge a tutela del benessere degli animali d’affezione;

Sottolineato

Che la nuova legge regionale obbliga i proprietari a garantire al loro cane un ricovero con le stesse dimensioni strutturali e caratteristiche tecniche di quello previsto per i canili pubblici o gli allevamenti canini operanti nel territorio regionale;

Che questa forzatura urta il buon senso, anche perché i cani detenuti in appartamento non sono menzionati nella legge e ciò crea un’ingiustificabile sperequazione: il proprietario di un cane di grossa taglia che vive con il proprio animale in un piccolo appartamento non è chiamato ad alcun intervento, mentre chi ha un cane di taglia inferiore e vive in campagna, pensiamo a contadini, cacciatori, tartufai, sarà obbligato a provvedere al ricovero dei propri cani secondo standard da monolocale o camera d’albergo;

Che il rischio di queste nuove norme, le quali prevedono costi elevati e tanta burocrazia per gli adeguamenti previsti, è quello di indurre i proprietari a separarsi dal loro cani, lasciandoli in affido ai Comuni, facendo aumentare il fenomeno del randagismo, finora efficacemente contrastato, prevedibilmente diminuirà anche l’acquisto di nuovi cani e l’adozione di cani dai canili;

Interroga la Giunta per sapere

Se intenda rivedere la legge regionale n. 3 del 2013 “Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 17 febbraio 2005, n. 5 (Norme a tutela del benessere animale), fissando nuovi parametri relativamente ai vincoli sulle dimensioni strutturali e caratteristiche tecniche dei ricoveri per i cani.

Fabio Filippi

3 giugno 2013

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top