Breaking news

Sei in:

Manovra, alla Camera si riparte in Commissione Bilancio con 5 mila emendamenti. Da giovedì 3 dicembre le votazioni. Nannicini: il bonus da 500 euro? Spesa sostenibile

Milano «Sono poco più di 5 mila gli emendamenti alla legge di Stabilità presentati in commissione Bilancio. E’ evidente che le forze politiche hanno intenzione di modificare e migliorare la legge, il suo impianto però non va stravolto». A parlare così ieri Carlo Dell’Aringa, giuslavorista, Pd alla Camera. «Martedì prossimo la commissione Bilancio della Camera è convocata per il parere sull’ammissibilità di 5.082 emendamenti.

L’inizio delle votazioni sul Bilancio è previsto per giovedì 3 dicembre, mentre sugli emendamenti si voterà a partire da domenica 6 dicembre», ha dato conto Francesco Boccia, presidente della stessa commissione Bilancio di Montecitorio.

Durante un incontro organizzato ieri a Milano dai riformisti del centrosinistra dell’associazione «Libertà eguale» per discutere i contenuti della legge di Stabilità, Tommaso Nannicini, consigliere della presidenza del Consiglio in materia economica, ha difeso la manovra. «Tasi e Imu sulla casa saranno eliminate per tutti, senza alcuna soglia legata al reddito del contribuente, per un motivo molto semplice: non si tratta di una misura ridistribuiva. La ratio dell’intervento è incidere sulla fiducia». A proposito dei 500 euro ai diciottenni per le spese in cultura: «E’ un intervento soft di accoglienza nell’età adulta con un incentivo che sottolinea il valore della cultura — ha osservato Nannicini —. Nello stesso tempo si tratta di una spesa del tutto sostenibile».

Una parte interessante del dibattito ha riguardato l’articolo 12 della Stabilità, quello che prevede una tassazione ridotta al 10% per i premi in busta paga legati alla produttività. «Si tratta di una porta aperta sia al welfare, sia al sindacato e a un maggior ruolo della contrattazione», ha osservato Marco Leonardi, economista, consigliere del ministero dell’Economia.

Una volta passata la legge di Stabilità, la norma sulla produttività avrà bisogno di un decreto attuativo del ministero del lavoro. Sui contenuti di quest’ultimo è già aperto il confronto a distanza tra governo e sindacati. «Il sindacato oggi dimostra di saper passare da una fase concertativa a una contrattualista — valuta Gigi Petteni, segretario della Cisl —. Ora il governo non faccia invasioni di campo. Altrimenti il sindacato non potrà che scegliere una terza linea: quella antagonista». (Rita Querzé – Il Corriere della sera)

Stabilità. Votazioni sugli emendamenti in programma dal 6 dicembre

A tanto ammonta il numero complessivo di proposte di modifica il cui termine ultimo di presentazione scadeva nella serata di ieri. I deputati della V commissione dedicheranno la prossima settimana ad esaminare l’ammissibilità degli emendamenti, mentre, come già preannunciato, le votazioni vere e proprie inizieranno domenica 6 dicembre. L’approdo in Aula è stato invece calendarizzato a partire dal 14 dicembre.

Sono oltre 5mila gli emendamenti alla legge di stabilità presentati alla commissione Bilancio della Camera. Il termine ultimo per la loro presentazione scadeva nella serata di ieri. I deputati della V commissione dedicheranno la prossima settimana ad esaminare l’ammissibilità delle proposte di modifica. Le votazioni vere e proprio sono invece programmate a partire dalla prossima domenica 6 dicembre. L’approdo in Aula del disegno di legge è calendarizzato a partire dal prossimo 14 dicembre.

Uno degli emendamenti più attesi, ossia quello governativo riguardante l’avvio di procedure straordinarie per l’assunzione e stabilizzazione di 4mila unità di personale sanitario, resosi necessario per colmare i vuoti causati dall’applicazione della direttiva Ue sugli orari di lavoro e di riposo, sarà invece presentato nel corso dell’esame del provvedimento in Aula. Sempre che, in questi giorni, il Mef decida di dare il via libera all’inserimento in stabilità di quella parte delle norme del ddl Gelli sulla responsabilità professionale che potranno avere una ricaduta economica in termini di risparmio per il Servizio sanitario grazie alla riduzione delle pratiche di medicina difensiva. Da questa misura, infatti, si dovrebbero recuperare quei 300-350 mln necessari per le nuove assunzioni. (Giovanni Rodriquez – QS)

 28 novembre 2015 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top