Breaking news

Sei in:

Pensioni, stop all’uscita a 57 anni per le donne. Dovranno lavorare fino a 6 anni in più. Opzione appesa a un ricorso

pensione-donne-ansa-672--672x351Ultima chiamata per la pensione a 57 anni e 3 mesi: scade di fatto tra pochi giorni la cosiddetta “opzione contributivo” grazie alla quale le donne possono lasciare anticipatamente il lavoro accettando in cambio un assegno previdenziale più basso perché calcolato con il meccanismo meno generoso. Più precisamente, potranno sfruttare questa possibilità le lavoratrici del settore privato che maturano i requisiti richiesti entro il mese di novembre, e quelle del pubblico che ce la fanno entro dicembre. Poi, a meno di ripensamenti legislativi che al momento appaiono improbabili, le porte si chiuderanno e sarà inevitabile restare al lavoro fino a cinque-sei anni in più. Questo canale di uscita, introdotto dalla riforma Maroni-Tremonti del 2004, ha acquistato sempre più importanza dopo la legge Fornero  spostando in avanti di parecchio il traguardo della pensione, ha reso tutto sommato conveniente per molte accettare il sacrificio economico derivante dal calcolo contributivo applicato all’intera carriera (in media la decurtazione è del 25-30%).

Lo dicono anche i numeri: se nel 2009 la scelta era stata fatta da appena 56 lavoratrici, nel 2010 (quando ancora prima della riforma voluta dal governo Monti i requisiti hanno iniziato a stringersi) le lavoratrici coinvolte erano state 518.

Il numero è poi salito a 1.377 e a 5.646 nel 2012. Nel 2013 sono state liquidate 8.846 pensioni contributive e quest’anno si è arrivato ad un totale del tutto simile (8.652) già nel mese di settembre: per cui è prevedibile un bilancio finale intorno a dodicimila.

Poi, nel 2015, toccherà alle lavoratrici che stanno maturando il diritto in questi mesi. Ma saranno appunto le ultime. La legge scritta dieci anni fa dall’allora governo Berlusconi prevedeva l’opzione contributivo come regime sperimentale fino al 2015, da verificare e poi eventualmente confermare. Ma la scadenza è in realtà anticipata di un anno, perché a questo canale si applica ancora il vecchio regime delle finestre, abolito dalla riforma Fornero: dunque tra la maturazione del diritto con 35 anni di contributi e 57 e 3 mesi di età (58 e 3 mesi per le lavoratrici autonome) deve poi passare un anno (uno e mezzo per le autonome).

In una sua circolare, l’Inps ha interpretato la questione specificando che il termine del 31 dicembre 2015 va riferito al momento dell’uscita effettiva e non a quello del conseguimento del diritto. Ecco perché il tempo è già scaduto per le lavoratrici autonome e si avvia a scadere per le dipendenti: quelle del privato per poter andare in pensione entro il primo dicembre 2015 (ultima data utile) devono maturare i requisiti entro novembre, mentre le pubbliche, che per le vecchie regole Inpdap hanno la possibilità di uscire in qualsiasi giorno del mese, potranno arrivare anche al 30 dicembre, un anno prima dell’ultimo giorno del 2015.

Eppure fino a poco tempo fa le potenziali interessate (alcune delle quali si sono anche riunite che in un comitato che è arrivato a prospettare una class action) speravano che la storia potesse proseguire; e che intanto venisse concesso anche il 2015 come anno utile per conseguire i requisiti. In Parlamento sono state approvate risoluzioni in tal senso ma senza esito: non è tanto l’Inps a resistere ma il ministero dell’Economia che evidenzia la necessità di coperture finanziarie. Se è vero infatti che le pensioni contributive costano mediamente meno di quelle retributive, è anche vero che la prosecuzione dell’opzione donna porterebbe alla liquidazione anticipata di migliaia e migliaia di trattamenti, con il conseguente effetto di cassa.

LA RIFORMA DELLA PA

Il tema era stato preso in considerazione anche nell’ambito della riforma della pubblica amministrazione: per favorire l’ingresso di giovani negli uffici dello Stato e delle amministrazioni locali si ipotizzava addirittura di estendere l’opzione contributivo agli uomini. Ma la proposta, comparsa anche in alcune bozze del provvedimento, non ha avuto seguito. Dal primo gennaio quindi si applicheranno solo i requisiti generali che permettono la pensione di vecchiaia con 63 anni e 9 mesi di età (66 e 3 mesi nel pubblico) e quella anticipata con 41 anni e 6 mesi di contributi. Requisiti destinati ad essere progressivamente elevati nei prossimi anni. (Luca Cifoni – Il Messaggero)

Proroga Opzione Donna, tutto dipende da un ricorso

Questo canale di uscita, introdotto dalla riforma Maroni-Tremonti del 2004, ha acquistato sempre più importanza dopo la legge Fornero che ha spostato in avanti di parecchio il traguardo della pensione.

 Scade di fatto tra pochi giorni la cosiddetta “opzione contributivo” grazie alla quale le donne possono lasciare anticipatamente il lavoro accettando in cambio un assegno previdenziale più basso perché calcolato con il meccanismo meno generoso. Più precisamente, potranno sfruttare questa possibilità le lavoratrici del settore privato che maturano i requisiti richiesti (57 anni e 3 mesi di età unitamente a 35 di contributi) entro il mese di novembre, e quelle del pubblico che ce la fanno entro dicembre. Poi, a meno di ripensamenti da parte dell’Inps e/o del Ministero del Lavoro, le porte si chiuderanno e sarà inevitabile restare al lavoro fino a cinque-sei anni in più.

E, in vista della tagliola, cresce sempre di piu’ il numero delle lavoratrici che optano per questa strada. Secondo i dati forniti dall’Inps, sino a Settembre 2014 le domande presentate sono state ben 8.652. Una crescita esponenziale. Introdotta in via sperimentale a fine 2004, l’opzione contributiva ha registrato un successo crescente, soprattutto per via della riforma Fornero del 2011. Dalle 56 pensioni liquidate nel 2009 si è passati a 518 nel 2010, 1.377 nel 2011 e a 5.646 nel 2012. L’anno scorso ne sono state liquidate 8.846.

Com’è noto infatti la riforma Fornero del 2011 ha confermato fino al 31 Dicembre 2015 la possibilità per le donne di andare in pensione prima, a patto di scegliere per un assegno interamente calcolato con il metodo contributivo. I requisiti restano quelli fissati dalla legge 243/04 distinti per le donne che lavorano come dipendenti e per le autonome: rispettivamente, 57 anni e 58 anni, a cui bisogna aggiungere, dal 1° gennaio 2013, il primo aumento di tre mesi dovuto alla speranza di vita. In entrambi i casi resta uguale il requisito dell’anzianità contributiva pari a 35 anni.

Per questa forma di pensione anticipata resta però in vigore le finestre mobili secondo cui l’assegno non viene erogato il mese successivo alla maturazione dei requisiti ma dopo un periodo di 12 mesi per le dipendenti e 18 mesi per le autonome. L’Inps ha chiarito che l’opzione per il contributivo è aperta sino al 31 dicembre 2015 a condizione che a questa data siano perfezionati i requisiti anagrafici e contributivi utili a comportare la decorrenza del trattamento pensionistico. A tale data cioè deve anche essersi aperta la finestra mobile(Circolare Inps 35/2012 e 37/2012).

Questo significa che le lavoratrici dipendenti dovranno maturare i requisiti (57 anni e 3 mesi e 35 anni di contributi) entro il 30 Novembre 2014; le dipendenti del pubblico impiego iscritte all’ex Inpdap entro il 30 Dicembre 2014; le autonome entro il 31 Maggio 2014 (ma servono qui 58 anni e 3 mesi di età e 35 anni di contributi). A nulla sono valse le pressioni da parte del Parlamento per una revisione di questa restrizione che, nei fatti, impone alle lavoratrici la necessità di perfezionare i requisiti previdenziali con almeno un anno di anticipo rispetto alla scadenza originaria.

L’unica possibilità, al momento, di una estensione del regime in parola è affidata al Comitato Donna, costituito da Daniella Maroni, che ha promosso, nel mese di Ottobre, un ricorso collettivo contro l’Inps volto all’eliminazione della restrizione. Le promotrici dell’azione chiedono che l’istituto o il Ministero del Lavoro consentano la fruizione dell’agevolazione in favore di tutte le lavoratrici che hanno maturato i suddetti requisiti entro il 31 dicembre 2015.

La proroga dell’opzione donna era stato presa in considerazione anche nell’ambito della riforma della pubblica amministrazione: per favorire l’ingresso di giovani negli uffici dello Stato e delle amministrazioni locali si ipotizzava addirittura di estendere l’opzione contributivo agli uomini. Ma la proposta, comparsa anche in alcune bozze del provvedimento, non ha avuto seguito. (Pensioni Oggi)

17 novembre 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top