Breaking news

Sei in:

Pronti a tutto per salute cani e gatti: business milionario

Malgrado la crisi, il fatturato dell’industria del farmaco in Italia, circa 245 milioni di euro, tra il 2011 e il 2012 è salito del 2%. C’è stato però un calo di prezzo di alcuni prodotti, e se si prendono in considerazione le confezioni vendute l’aumento è più marcato e sale al 4-5%

di Michele Bocci. Per correggere problemi alla colonna vertebrale, ad esempio, si affrontano operazioni da 3-4mila euro. «Chi prende un cane o un gatto, oggi è disposto a fare sacrifici importanti, gli animali sono entrati a pieno titolo nel nostro stato di famiglia », spiega Marco Melosi, presidente di Anmvi, l’associazione dei medici veterinari. «Mi sono laureato alla fine degli anni Ottanta, quando facevi questo lavoro usando il termometro e poco più. Oggi abbiamo strumentazioni sofisticate, cliniche con le migliori tecnologie, e curiamo disturbi cardiaci grazie a medicine che una volta non c’erano».

Malgrado la crisi, il fatturato dell’industria del farmaco in Italia, circa 245 milioni di euro, tra il 2011 e il 2012 è salito del 2%. C’è stato però un calo di prezzo di alcuni prodotti, e se si prendono in considerazione le confezioni vendute l’aumento è più marcato e sale al 4-5%. E la spesa per curare gli animali da compagnia non è spinta verso la crescita, come invece per gli uomini, dall’invecchiamento della popolazione e dall’aumento delle ma-lattie croniche. «C’è una tendenza a prendersi più cura dei propri animali, ed essere più responsabili, un po’ come sta avvenendo nei paesi anglosassoni », dice Roberto Cavazzoni, il direttore di Aisa, che raccoglie le imprese produttrici di farmaci per animali. In tutto sono 27 e circa la metà sono multinazionali che producono anche per l’uomo. Del resto molti dei medicinali sono gli stessi, cambiano solo i dosaggi. Negli Usa molte aziende farmaceutiche puntano su questo settore per alzare i fatturati, come ha scritto il Wall Street Journal.

«E infatti si stanno inventando molte molecole nuove, per questo ci aspetteremmo anche un incremento di fatturato più alto. È che alcuni prezzi sono un po’ scesi », spiega il presidente di Aisa Paolo Giulio Predieri. I farmaci veterinari vengono autorizzati e registrati dal ministero della Salute, in questo momento sul mercato italiano ce ne sono 2.137. Una buona parte servono per gli animali da allevamento. Sono 578 quelli che possono essere usati per i cani e 361 per i gatti.

Secondo l’Eurispes, il 55% dei 24 milioni di famiglie italiane hanno un cane o un gatto. Quasi due terzi di coloro che hanno un animale, il 63%, spendono meno di 100 euro all’anno per le cure. Si può calcolare una spesa totale intorno agli 800 milioni di euro. Comprare il cibo costa nella maggior parte dei casi, il 53%, entro i 30 euro al mese. «Se da una parte riscontriamo spese sempre più alte, dall’altra ci sono dei segnali di difficoltà», spiega ancora Melosi, «mentre gli interventi e le cure urgenti e quelli sulle malattie importanti sono sempre più diffusi, ma notiamo un calo di attenzione per attività di prevenzione come i vaccini. E non dobbiamo dimenticare che le prestazioni veterinarie, al contrario di quelle per l’uomo, sono gravate dall’Iva al 21%. Nel nostro settore, poi, sui farmaci generici, sempre più diffusi, non ci sono grandi sconti. Infine, le spese veterinarie sono state messe nel redditometro e le detrazioni fiscali sono ridotte al lumicino, appena 45 euro all’anno».

Repubblica – 25 marzo 2013

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top