Breaking news

Sei in:

Stati generali Salute. La Cosmed attacca il ministro Lorenzin: «Inutile passerella sul baratro della sanità pubblica»

stati generali saluteDura nota della Cosmed alla vigilia del mega evento sulla sanità promosso dal ministero della Salute e definito “un invito a ballare distrattamente sul Titanic mentre la nave affonda. Non è quello che ci saremmo aspettati in questa due giorni che si rivela purtroppo affollata di assenze e totalmente senz’anima”. “Gli Stati Generali della sanità che il Ministero della Salute si appresta a celebrare l’8 e il 9 aprile sono uno spot fuori tempo massimo per dare un’idea di sanità che sta per non esistere più”. Esordisce così il consiglio direttivo nella Cosmed in una dura nota di critica al mega evento dedicato alla sanità che il ministero della Salute promuoverà domani e dopo domani all’Auditorium di Roma. Una kermesse che secondo la Cosmed “servirà a celebrare un rito mediatico, mentre il Ssn sta andando a rotoli a grande velocità”.

“Un invito a ballare distrattamente sul Titanic mentre la nave affonda non è quello che ci saremmo aspettati in questa due giorni che si rivela purtroppo affollata di assenze e totalmente senz’anima”.

 Per la Cosmed, l’evento non sarà altro che “un’occasione sprecata dal Ministro Lorenzin per mettere a fuoco le urgenze della sanità, un comparto che non può più vivere di incertezze e che deve avere una tregua dopo anni di gestione molto discutibile in molte Regioni, di tagli indiscriminati anche su quelle efficienti, di vilipendio delle professionalità che la compongono e ne realizzano la stremata resistenza”. Problemi da risolvere in fretta, in quanto, sottolinea la Cosmed, “la sanità pubblica, non domani ma oggi, deve essere rimessa in moto perché per molte famiglie è l’ultimo baluardo prima della miseria”.

Invece, prosegue la nota, “nel programma degli Stati Generali, partendo dalla imminente modifica del Titolo V e dagli esiti della riunione su patto per la salute di venerdì che ha sconcertato ulteriormente gli Assessori delle Regioni, passando per le critiche dell’Ocse alla spending review sanitaria di Cottarelli, arrivando sino all’ipotesi del DEF che preannuncia altri tagli per miliardi, o all’ipotesi non smentita di tagli agli stipendi dei sanitari sopra i 70.000 euro lordi, non c’è traccia di un confronto decisivo sui temi del giorno, non una proposta di discussione su una via di uscita dal Vietnam in cui si trova oggi la sanità”.

Insomma, ribadisce la Cosmed, “un’opportunità, quella degli Stati Generali, che non doveva essere sprecata con una vana e deludente passerella sul baratro”.

QS – 7 aprile 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top