Breaking news

Sei in:

Vaccini a immigrati e senzatetto. Appello di Figliuolo alle Regioni: potrebbero essere veicolo di diffusione del virus. Il tasso di positività sale di quasi un punto

Il Corriere della Sera. Ora la preoccupazione del commissario all’emergenza coronavirus Francesco Paolo Figliuolo è rivolta ai senza dimora e ai migranti, ovvero a coloro che «si trovano in condizioni di disagio o che non risultano al momento censite da tessera sanitaria». E che di conseguenza potrebbero essere veicolo di diffusione del virus.

Da qui l’invito alle Regioni, rispondendo a una richiesta dell’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali di Palazzo Chigi, «di implementare l’attività in favore di queste categorie nell’ottica di garantire ampio accesso alle somministrazioni di un maggior numero di persone sul territorio nazionale, quale elemento di particolare attenzione per la prevenzione collettiva». Figliuolo spiega anche che le stesse Regioni potranno avvalersi della collaborazione di associazioni e organizzazioni giuridicamente riconosciute. Parallelamente, lo stesso Figliuolo aspetta che finiscano tutte le procedure di registrazione dei cittadini afghani, cui poi seguirà la quarantena. Dopodiché su base volontaria sarà somministrato loro il vaccino.

Intanto sale il tasso di positività in un giorno, di quasi un punto, dal 2,3 di martedì al 3,1 (3,09 per la precisione) di ieri. E aumentano i casi positivi, sono 7.548 mentre il giorno prima erano 6.076. Stabile il numero dei deceduti, 59 ieri, 60 il giorno precedente, per un totale di 128.914 vittime dall’inizio della pandemia. Aumentano i casi nonostante siano diminuiti di oltre 20 mila i tamponi: ne sono stati registrati ieri 244.420 ma mancano sempre i test del Lazio a causa dell’attacco hacker. Per fortuna diminuiscono i ricoveri, anche se leggermente, ieri 13 in meno per un totale di 4.023 pazienti nei reparti ordinari Covid.

Diminuiscono di 5 unità anche i posti letto occupati in rianimazione ma la diminuzione come sempre è dovuta al risultato dello scomputo di deceduti e trasferiti nelle aree mediche, oltre che ai nuovi ingressi in terapia intensiva, che ieri sono stati 34, comunque meno dei 46 di martedì.

Sempre la Sicilia in testa per i nuovi positivi su base quotidiana con 1.409 nuovi casi ma il numero più alto di vittime lo abbiamo in Campania, ieri 14, ma la Regione ha comunicato che 8 dei 14 deceduti sono attribuibili addirittura a un periodo compreso tra marzo e agosto.

Le dosi di vaccino somministrate sono oltre 75,8 milioni. Hanno completato il ciclo vaccinale oltre 36,6 milioni di cittadini, il 67,9% della popolazione sopra i 12 anni.

Quanto alla proroga a 12 mesi (da 9) della validità del green pass, c’è chi chiede di procedere con cautela. Il professor Silvio Garattini, presidente dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, sostiene che la proposta di proroga deve poggiare su basi scientifiche: «Bisogna vedere quali sono le evidenze scientifiche — dice Garattini — perché sennò è inutile fingere di essere protetti se non lo siamo. Anche perché non possiamo basarci soltanto sugli anticorpi, dobbiamo vedere anche gli altri aspetti dell’immunità, che sono la durata della memoria e l’attività delle cellule contro i virus».

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top