Breaking news

Sei in:

Confermato primo caso di Aethina tumida in Sicilia. Ministero della Salute dispone misure di controllo e sorveglianza

atsicConfermato lo scorso 7 novembre dal Centro di referenza nazionale per l’apicoltura dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie il primo caso di Aethina tumida in Sicilia in provincia di Siracusa. Come si ricorderà dall’11 settembre è stata riscontrata la presenza del coleottero in Italia a partire da un nucleo esca nel comune di Gioia Tauro, in provincia di Reggio Calabria. Ai sensi della Ordinanza ministeriale del 20 aprile 2004 il Ministero della Salute con nota del 7 novembre ha disposto una serie di misure di controllo, sorveglianza e prevenzione fra cui: la distruzione dell’intero apiario dove è stato rinvenuto il parassita; verifica di eventuali movimentazioni che possano aver determinato la diffusione dell’infestazione verso altri apiari; la creazione di una zona di protezione. Aethina tumida è un coleottero parassita degli alveari, esotico nell’intera Unione europea, in grado di determinare notevoli danni, dal consumo delle scorte di polline e miele fino ad arrivare alla distruzione dell’intera covata.

Nella nota inviata dal ministero della Salute alla Commissione Europea, nel comunicare il caso scoperto in Sicilia aggiunge che: «Dopo la conferma sono state implementate le seguenti misure:  1) distruzione dell’apiario infestato;2) indagine epidemiologica: tutto l’apiario viene tracciato e vengono disposti controlli; 3) definizione di una zona di protezione del raggio di 10km; 4) nella zona di protezione un certo numero di apiari viene sottoposto a controlli clinici; 5) saranno usate trappole e controllate ogni settimana; 6) queste misure saranno riviste in base ai risultati del programma di sorveglianza»

In una nota del 6 novembre il ministero della Salute ha disposto l’adozione di misure restrittive nelle province di Catania e Messina, con l’estensione del divieto di movimentazione al di fuori delle Province di Messina e Catania di api, api regine e bombi presenti nei predetti territori. Tali disposizioni saranno riviste in funzione dei risultati dei controlli negli apiari e dell’andamento epidemiologico della infestazione nei territori sottoposti a restrizione.

la situazione epidemiologica

13 novembre 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top