Breaking news

Sei in:

L’incubo ebola spaventa l’Africa. Corsa per fermare diffusione. Scienziati francesi: è una nuova variante. Si cerca il serbatoio

ebola 1 36Ricercatori francesi dell’Institut national de la santé et de la recherche médicale (Inserm) e dell’Institut Pasteur hanno pubblicato i risultati iniziali sulle caratteristiche del virus Ebola scoperto in Guinea. Il sequenziamento del genoma completo e la successiva analisi filogenetica, eseguiti in meno di un mese, mostrano che il virus è una variante diversa dai ceppi precedentemente identificati nella Repubblica democratica del Congo e in Gabon. Le indagini virologiche iniziali hanno permesso di identificare lo ‘Zaire ebolavirus’ come l’agente patogeno responsabile di questa epidemia, conferma il ‘New England of Medicine’. Le indagini epidemiologiche hanno anche legato i casi confermati in laboratorio con le morti iniziali registrate durante il dicembre 2013. “Questi risultati dimostrano che siamo di fronte a una nuova forma di questo virus in Guinea”, spiega Herve’ Raoul, direttore del Laboratorio Bsl-4 dell’Inserm.

Sono arrivate a oltre 140 le vittime dell’epidemia di Ebola in corso in Africa occidentale dove si riscontrano circa 230 casi di contagio certo o solo sospettato. Sono le ultime cifre diffuse dall’Organizzazione mondiale della Sanità che rivela che la maggior parte dei casi di morte, 129, si sono registrati in Guinea con altri 13 in Liberia mentre l’epidemia si sta ancora espandendo.

Uno screening in porti e aeroporti di tutti i passeggeri in entrata provenienti dai paesi in cui è presente il virus Ebola è ‘costoso e con un impatto molto limitato’. Lo afferma l’Oms nell’aggiornamento delle sue raccomandazioni per le autorità di trasporti e per i viaggiatori pubblicato oggi, secondo cui è sufficiente sensibilizzare chi arriva sui possibili sintomi. ”Il rischio per i turisti o gli uomini d’affari di infettarsi durante una visita nelle aree interessate è estremamente basso – si legge nel documento – anche se la visita include viaggi proprio nelle zone dove sono stati riportati i casi. Non c’è rischio di trasmissione durante il periodo di incubazione e resta molto basso durante i primi giorni di malattia sintomatica”.

E’ consigliabile, prosegue l’Oms, sensibilizzare chi parte o arriva sui rischi. ”I viaggiatori che arrivano o vanno dovrebbero ricevere informazioni sui sintomi e su come minimizzare i contagi – scrivono gli esperti – oltre che su dove ottenere eventuale assistenza medica”.

Sebbene, come si affretta a far sapere l’Organizzazione Mondiale della Sanità, «non si tratti della più grande epidemia di ebola mai affrontata», l’elevato numero di contagi registrato negli ultimi due mesi tra la Guinea – mai toccata prima dal virus, scoperto per la prima volta nel 1976 nella Repubblica Democratica del Congo e diffuso a più riprese nell’Africa centrale – e la Liberia non lascia dormire sonni tranquilli a infettivologi ed epidemiologi, da febbraio al lavoro per individuare il serbatoio naturale dell’infezione e arrestare la diffusione del virus. Secondo le prime indagini, sarebbero quasi 700 le persone venute a contatto con i pazienti contagiati. Un dato che, oltre a essere difficile da appurare con certezza, rende l’idea della possibile espansione dell’ebola, condizionata anche dall’infrequente diffusione dell’agente virale nelle grandi città.

A rischio sono soprattutto gli operatori sanitari – in Guinea 24 medici e infermieri sono stati contagiati e 13 sono poi deceduti – e gli addetti alle sepolture. Il virus, contro cui non esiste un vaccino efficace, si trasmette tra esseri umani principalmente attraverso il contatto con sangue e altri fluidi biologici infetti. L’origine dell’epidemia non è nota, ma i sospetti riguardano soprattutto la cacciagione locale: probabile fonte primaria dell’infezione. Dalle indagini è emerso invece come la maggior parte dei “casi secondari” avesse partecipato a cerimonie funebri: entrando in contatto con pazienti deceduti o persone infette. Tenendo conto che l’ebola può avere una incubazione massima di 21 giorni, l’identificazione di nuovi casi nelle prossime settimane non è dunque da escludere, soprattutto tra le popolazioni guineane e liberiane. 

Quanto all’Europa, invece, al momento non si segnalano particolari allarmi. Come spiega Flavia Riccardo, ricercatore dell’unità di epidemiologia dell’Istituto Superiore di Sanità, «il rischio di infezione per turisti, visitatori o residenti nelle aree affette è considerato molto basso, purché si eviti il contatto diretto con organi e secrezioni biologiche di persone infette: vive o decedute». Motivo per cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità non raccomanda, al momento, restrizioni di viaggi e movimenti internazionali di persone, mezzi di trasporto e merci. Rassicurante anche la posizione del Ministero della Salute, che precisa «di aver fornito istruzioni agli uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera e a tutte le amministrazioni che si occupano dei migranti irregolari».

«Finora le epidemie di ebola non si sono mai estese oltre un raggio di poche decine di chilometri dal punto in cui si sono generate», afferma Massimo Galli, ordinario di malattie infettive all’Università Statale di Milano. La probabilità che un viaggiatore possa contagiarsi è dunque trascurabile: le aree interessate sono fuori dai circuiti turistici e le condizioni necessarie per il contagio – il virus non viene veicolato dagli insetti e non può essere contratto per via aerea – escludono una rigida profilassi. Alcune precauzioni risultano comunque utili, per chi avesse in programma un viaggio in Africa occidentale: meglio evitare il contatto con animali selvatici e il consumo di cacciagione. Attenzione anche sotto le lenzuola: la trasmissione del virus per via sessuale (attraverso il liquido seminale) può avvenire anche sette settimane dopo la guarigione. No, dunque, ai rapporti a rischio

La Stampa – 22 aprile 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top