Breaking news

Sei in:

Riforma degli Ordini: approda in Senato il Ddl Silvestro-Bianco. Revisione degli assetti territoriali, professioni sanitarie insieme

1a1a1a1a_0a0a1aaaaa1111MEDICI_STUDIANO--258x258Primo atto dei neo-eletti presidenti di Fnom e Iapsvi, Amedeo Bianco e Annalisa SIlvestro è la ri-presentazione al Senato di un disegno di legge degli Ordini professionali e per la trasformazione degli attuali Collegi in Ordini («Atto Senato n. 818 Riordino della disciplina degli Ordini delle professioni sanitarie di medico-chirurgo, di odontoiatra, di medico veterinario, di farmacista e delle professioni sanitarie di cui alla legge 30 agosto 2000, n. 251» ), sottoscritto da tutti i membri del gruppo Pd della commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama. Un provvedimento apparso a più riprese nella scorsa legislatura ma che non ce l’ha fatta mai ad arrivare in porto per motivi sia di opportunità he di tempo. La bozza di Ddl

Il Ddl – firmatari Annalisa Silvestro, Amedeo Bianco, Emilia Grazia De Biasi (presidente della commissione), Nerina Dirindin (capogruppo Pd), Manuela Granaiola (segretario della commissione), Donatella Mattesini, Giuseppina Maturani, Venera Padua – prevede per gli Ordini già esistenti la revisione della legge 233/1946 , prevedendo che gli ordini, visti i nuovi assetti territoriali, siano costituiti in ogni città metropolitana o ambito territoriale definito con specifico e successivo decreto del ministro della Salute.

E si prevede poi che i collegi e le federazioni delle professioni sanitarie si trasformino da collegi e Federazioni nazionali degli infermieri professionali, degli assistenti sanitari e delle vigilatrici d’infanzia (Ipasvi) in ordini degli infermieri e infermieri pediatrici e Federazione nazionale degli ordini degli infermieri e infermieri pediatrici. E ancora la trasformazione dei collegi delle ostetriche/i in ordini professionali delle ostetriche e dei collegi dei tecnici sanitari di radiologia medica in ordini dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione. Per questo, gli assistente sanitari, prima inseriti nel Collegio degli infermieri, confluiscono in quest’ultimo ordine.

Gli Ordini e le relative Federazioni poi sono enti pubblici non economici, sono organi sussidiari dello Stato per tutelare gli interessi pubblici legati all’esercizio professionale, dotati di autonomia patrimoniale, finanziaria, regolamentare e disciplinare. Ma a questi non si estendono le norme di contenimento della spesa pubblica e la sottoposizione alla vigilanza del ministero della Salute perché si finanziano attraverso le quote versate dai propri iscritti. Promuovono e assicurano l’indipendenza, l’autonomia e la responsabilità dell’esercizio professionale, la qualità tecnico-professionale, la valorizzazione della funzione sociale delle professioni, la salvaguardia dei princìpi etici dell’esercizio professionale indicati nei codici deontologici al fine di garantire la tutela della salute individuale e collettiva.

Tra i compiti loro assegnati ci sono la tenuta e la pubblicità degli albi delle rispettive professioni; la verifica del possesso dei titoli abilitanti all’esercizio professionale; la valutazione delle attività di formazione continua; il rafforzamento e il rinnovamento dei codici deontologici; l’istituzione di specifici organi disciplinari e la definizione di idonee procedure a garanzia dell’autonomia e terzietà del giudizio disciplinare, separando la funzione istruttoria da quella giudicante in particolare attraverso la costituzione di appositi Uffici Istruttori di Albo; la definizione delle modalità di partecipazione degli ordini e dei relativi compiti, nelle procedure relative all’esame di abilitazione all’esercizio professionale; la promozione, l’organizzazione e la valutazione dei processi di accreditamento, di aggiornamento e della formazione per lo sviluppo continuo di tutti i professionisti iscritti, ai fini della certificazione del mantenimento dei requisiti professionali, includendo anche la formazione e i crediti formativi acquisiti anche all’estero.

Il disegno di legge interviene anche sugli organi, disciplinandone la composizione e le funzioni anche con l’istituzione di un Coordinamento degli Ordini presenti in una Regione.

Per quanto riguarda gli attuali Ordini, nel periodo trasitorio i relativi organi restano in carica fino alla scadenza del proprio mandato e la nuova organizzazione parte dal successivo rinnovo.

I Consigli nazionali delle Federazioni nazionali dovranno poi approvare i relativi regolamenti per definire la loro organizzazione e il funzionamento interno. La norma abroga poi tutte le disposizioni del Dlgs 233/1946, incompatibili con le nuove modifiche dal momento dell’entrata in vigore dei vari regolamenti attuativi.

Di seguito le sintesi di due altre proposte sullo stesso tema dal senatore Pdl D’Ambrosio Lettieri che ha presentato un suo ddl. Nella terza proposta, a firma Bianconi (Gal).

Sintesi ddl D’Ambrosio Lettieri

Il Ddl del senatore del Pdl (che è anche vice presidente della Fofi), composto di un unico articolo, diviso in tre parti, ha come base di partenza il testo predisposto dal ministro Balduzzi che però non concluse il suo iter parlamentare.
 
Al primo comma riformula i primi tre capi del D.Lgs. C.P.S. 233/1946, mentre i successivi contengono ulteriori misure di ammodernamento della suddetta disciplina. Prevedendo che gli Ordini, in ragione dei nuovi assetti territoriali, siano costituiti in ogni provincia o città metropolitana ovvero, che il Ministero della salute, su proposta delle Federazioni nazionali d’intesa con gli Ordini interessati, possa disporre che un ordine abbia per circoscrizione due o più province.
 
Gli ordini sono enti pubblici non economici, organi sussidiari dello Stato per tutelare gli interessi pubblici connessi all’esercizio professionale. Hanno autonomia patrimoniale, finanziaria, regolamentare e disciplinare. Sono sottoposti a vigilanza della Salute.
 
Hanno lo scopo di promuovere e assicurare l’indipendenza, l’autonomia e la responsabilità della professione, la qualità tecnico-professionale, la valorizzazione della funzione sociale delle professioni, la salvaguardia dei princìpi etici dell’esercizio professionale indicati nei codici deontologici al fine di garantire la tutela della salute individuale e collettiva.
 
Sono tenuti alla pubblicità degli albi e alla verifica del possesso dei titoli abilitanti, la valutazione delle attività di formazione continua, il rafforzamento dei codici deontologici, la trasparenza della comunicazione, la definizione delle modalità di partecipazione degli Ordini e dei relativi compiti nelle procedure relative all’esame di abilitazione all’esercizio professionale; la promozione, l’organizzazione e la valutazione dei processi di aggiornamento e della formazione per lo sviluppo continuo di tutti i professionisti iscritti, ai fini della certificazione del mantenimento dei requisiti professionali, includendo anche crediti formativi acquisiti anche all’estero.
 
Per quanto attiene l’ambito disciplinare è prevista l’istituzione di specifici organi disciplinari e sono definite idonee procedure che separino la funzione istruttoria da quella giudicante: in particolare, è stabilita la costituzione di appositi uffici istruttori di albo a cui partecipa – oltre agli iscritti a tal fine  sorteggiati – anche un rappresentante estraneo alle professioni medesime, nominato dal Ministro della salute.
Il disegno di legge interviene, altresì, sugli organi, disciplinandone la composizione e le relative funzioni anche con la previsione dell’istituzione  di Federazioni di livello regionale.
 
Ci sono poi una serie di disposizioni transitorie per gli Ordini e i relativi organi in carica all’entrata in vigore. Viene stabilita la loro permanenza in carica fino alla scadenza del mandato. Per quanto riguarda le modalità del successivo rinnovo si rimanda alle disposizioni e ai regolamenti attuativi da adottarsi con decreto del Ministro della salute. Si prevede anche che i Consigli nazionali delle Federazioni nazionali provvedano ad approvare i relativi statuti per definirne l’organizzazione e il funzionamento.
 
Sono abrogate le disposizioni del decreto legislativo n. 233 del 1946 incompatibili con le modifiche apportate, con decorrenza dalla data di entrata in vigore dei regolamenti attuativi e statuti.
 
L’articolo prosegue trasformando gli attuali collegi delle professioni sanitarie e le rispettive Federazioni nazionali in Ordini delle medesime professioni e relative Federazioni nazionali accorpando in un medesimo ordine professioni tra loro omogenee e compatibili, nonché la costituzione degli Albi per quelle professioni sanitarie che ne sono sprovviste.
Quindi i collegi e le Federazioni nazionali degli infermieri professionali, degli assistenti sanitari e delle vigilatrici d’infanzia (IPASVI) saranno trasformati in Ordini delle professioni infermieristiche e Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche.
In particolare:
l’albo delle vigilatrici d’infanzia diventa un albo degli infermieri pediatrici;
i collegi delle ostetriche/i diventano Ordini professionali delle ostetriche;
i collegi dei tecnici sanitari di radiologia medica diventano Ordini delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione e assorbono tutte le professioni sanitarie;
l’assistente sanitario confluisce anch’esso nel nuovo Ordine delle professioni sanitarie.
 
Infine, si prevede che anche a tali professioni sanitarie si applichino le disposizioni del D.Lgs.C.P.S. 233/1946, come modificato dal presente articolo.
 
Sintesi ddl Bianconi
Il disegno di legge della senatrice Bianconi si compone di 19 articoli. L’articolo 1 dispone l’istituzione degli ordini professionali delle professioni infermieristiche, delle ostetriche, delle professioni sanitarie della riabilitazione, dei tecnici sanitari di radiologia medica, delle professioni tecniche sanitarie e della prevenzione. Il successivo articolo 2  prevede la costituzione della Consulta regionale degli ordini provinciali (composta da rappresentanti dei sopraccitati ordini professionali) in ciascun capoluogo di regione.
L’articolo 3 definisce gli albi istituiti presso gli ordini di cui all’articolo 1.
L’articolo 4, comma 1 prevede che gli ordini siano istituiti, di norma, in ogni provincia. Il comma 2 definisce gli organi degli ordini. All’articolo 5 c’è l’istituzione, per ciascun albo, presso l’ordine del capoluogo di regione, di una commissione competente a giudicare sui procedimenti disciplinari nei confronti degli iscritti.
L’articolo 6 stabilisce che gli ordini sono riuniti in federazioni nazionali con sede in Roma, di cui il comma 2 individua gli organi. L’articolo 7 individua i princìpi cui gli statuti degli ordini e delle federazioni devono attenersi.
L’articolo 8 definisce i requisiti per l’iscrizione agli albi. Gli ulteriori titoli considerati idonei ai fini dell’iscrizione agli albi sono individuati dall’articolo 9, che stabilisce anche i casi in cui è prevista la cancellazione dagli albi.
Alla Salute, nell’articolo 10 viene attribuito il compito di provvedere alla riorganizzazione a livello territoriale degli ordini.
È prevista la costituzione all’articolo 11 di un ordine autonomo specifico per una delle professioni sanitarie.
 L’articolo 12 richiama, attraverso il rinvio alla legislazione vigente, le attività e funzioni corrispondenti a ciascun profilo professionale.
L’articolo 13 prevede un’integrazione nella composizione della Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie.
L’articolo 14 prevede, in chiave transitoria, la nomina con decreto del Ministro della salute di una commissione di amministrazione temporanea degli ordini delle professioni sanitarie.
All’adozione delle norme attuative della presente legge si provvederà, ai sensi dell’articolo 15, con un regolamento governativo, da adottarsi entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge.
L’articolo 16 conferma, per gli appartenenti agli ordini delle professioni sanitarie, gli obblighi di iscrizione alle gestioni previdenziali previsti dalla normativa vigente.
L’articolo 17 e l’articolo 18 dettano alcune disposizioni tecniche sulla disciplina residuale in materia di professioni sanitarie e sulla copertura finanziaria del provvedimento, mentre l’articolo 19 consente il riscatto degli anni di studio per le professioni sanitarie.

Sole 24 sanità e Quotidiano sanità – 14 giugno 2013

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top