Seguici anche su: S.I.Ve.M.P Veneto su Facebook S.I.Ve.M.P Veneto su Twitter

Iscriviti alla newsletter!

Ogni giorno sulla tua mail le notizie di sivempveneto.it

La nostra Vetrina

PRIMO PIANO
I giorni dei cani. Le vittime, gli eroi e quello rimasto accanto alla bara. Pronti al sacrificio senza chiedere niente
Sabato 27 Agosto 2016 15:15 PDF Stampa E-mail

cani salvataggiodi Fabrizio Caccia, dal Corriere della Sera. Si sono tagliati le zampe per scavare, hanno respirato eternit e polvere per ore, hanno anche rischiato di precipitare, insieme alle case franate, sotto le scosse ripetute del sisma. Sono i cani del terremoto, una razza particolare, pronti al martirio senza chiedere nulla in cambio, muti e fedeli per sempre come il cockerino accucciato ieri vicino alla bara del suo padrone, nella camera ardente allestita all’interno della palestra comunale di Ascoli. Cani salvatori, cani salvati e cani ancora da salvare, anzi meglio da adottare subito, perché sono tanti quelli oggi rimasti soli, resi orfani dal sisma e che ora vagano per le strade con occhi che più tristi non si può, depressi e impolverati come il meticcio senza nome che da tre giorni, a Pescara del Tronto, arriva fino alla casa crollata di due anziani, marito e moglie, morti entrambi sotto le macerie e poi torna indietro, sempre più disilluso. Forse quei due vecchietti erano tutta la sua famiglia.

Leggi tutto...
 
ALTRE NOTIZIE
Ronde notturne contro i furti di animali. Manca l’elettricità e le strade sono chiuse. Gli allevatori temono un tracollo
Sabato 27 Agosto 2016 15:07 PDF Stampa E-mail

fienile terremotodi Mario Sensini, dal Corriere della Sera. I camion carichi di pecore scendono da Castelluccio di Norcia, sul versante marchigiano dell’Appennino, già da un paio di giorni. L’evacuazione del bestiame è iniziata subito dopo il terremoto. Ad Amatrice, Accumoli e nell’ascolano, per lo più, trasportano mucche. Ma il problema è lo stesso: molte stalle sono lesionate e, per gli animali, non c’è riparo. Alcuni, a malincuore, li vendono. Altri, se possono, li spostano da amici e conoscenti. Molti altri resistono. Organizzano le ronde notturne nelle aziende agricole per sventare i furti, come ad Arquata, e continuano a mungere gli animali anche se il latte va a male, perché i frigo sono senza elettricità e da ieri, con le strade per lo più interrotte, non c’è più nessuno che lo ritira. L’allevamento è una delle poche fonti di reddito nell’area colpita dal terremoto, e i rischi di un tracollo del settore «sono molto seri» dice il direttore della Coldiretti del Lazio, Aldo Mattia.

Leggi tutto...
 
Dirigenti Pa, riforma al via. Ruolo unico e mandati a tempo. Ma le norme non riguardano medici e sanitari
Venerdì 26 Agosto 2016 10:06 PDF Stampa E-mail

madiadirigentiVarato ieri in Cdm il decreto che cambia le regole per i dirigenti pubblici. Istituiti ruoli unici a cui si accede per concorso e da cui Stato, Regioni, enti locali e authority sceglieranno i propri dirigenti con selezioni pubbliche, per quattro anni rinnovabili una volta in caso di valutazione positiva. Chi non ottiene incarichi avrà solo la retribuzione di base e sarà fuori ruolo se non partecipa ad un numero minimo di selezioni o resta senza incarico per sei anni. Ai dirigenti di prima fascia è stato riservato il 30% dei posti nei bandi emessi con le nuove regole. Novità importanti anche nella valutazione per i premi di risultato. Ma le norme non riguarderanno la dirgenza medica, veterinaria e sanitaria degli Enti del Ssn. Le misure varranno invece per la dirigenza amministrativa, professionale e tecnica del Servizio sanitario nazionale. Dalla legge Madia 1 miliardo l’anno di risparmi. Incarichi a tempo, deroghe parziali in avvio per i dirigenti di prima fascia e valutazione più puntuale e più pesante sullo stipendio finale. Il testo

Leggi tutto...
 
Sisma, veterinari in prima linea per gestire l’emergenza e ripristinare sicurezza alimentare e protezione degli animali
Venerdì 26 Agosto 2016 10:24 PDF Stampa E-mail

amatrice sisma di Aldo Grasselli (Fvm). Contiamo ancora una volta i morti, i feriti, le case e le chiese distrutte, le comunità scompaginate, le identità sradicate. Ci sentiamo coinvolti nel dolore e nella compassione verso i nostri connazionali e piangiamo con loro. Ma sotto le macerie non ci sono solo le persone che hanno perso la vita, sono state ferite o hanno visto sbriciolarsi ogni certezza della propria esistenza. Sotto queste ultime macerie, e sperare che siano le ultime davvero è una pia illusione, ci sono i capisaldi di una società evoluta, e protettiva responsabile. Noi italiani abbiamo brevettato la definizione di “tragedia annunciata” abbiamo inventato il “principio di NON precauzione”, continuiamo a teorizzare magnifiche strategie di “prevenzione” ma cadiamo ciclicamente nel dramma della “mancata prevenzione”. Ci lasciamo sorprendere da ciò che è prevedibile perché amiamo la visibilità dell'immediatezza e non vogliamo sacrificare nulla per scontato mettere in sicurezza il futuro prossimo.

Leggi tutto...
 
Ulss e verifiche di bilancio. I tosiani interrogano la Giunta: quali fenomeni socio sanitari generano il debito in Veneto?
Martedì 23 Agosto 2016 13:42 PDF Stampa E-mail

sanitatos“Le 21 Ulss venete e le verifiche trimestrali di bilancio. Scostamenti nelle perdite programmate, migrazioni di pazienti e bilanci reali. Quali sono i fenomeni socio sanitari che generano il debito in Veneto?” Questo il titolo dell’interrogazione a risposta scritta presentata oggi dai consiglieri regionali tosiani Giovanna Negro, Stefano Casali, Andrea Bassi e Maurizio Conte. “Occorre fare chiarezza nei bilanci delle aziende sanitarie – spiegano i tosiani – e chiediamo alla Giunta di poter vedere dati e numeri analizzati periodicamente da Palazzo Balbi. La Regione, tramite i bilanci di previsione ed i budget operativi, monitora l’andamento economico e gestionale delle Aziende Sanitarie – spiegano i quattro consiglieri – ma la dinamica della spesa non è sempre chiara e le quote di passività, attribuibili al comparto sanitario e sociale, non sono sempre definite o esplicitate. A questo aspetto si sommano enormi differenze nella gestione degli investimenti tra le varie Aziende Sanitarie che penalizzano alcuni cittadini veneti”

Leggi tutto...
 
Contratti Pa. Dal Mef "semaforo giallo" agli Atti d’indirizzo di comparto e dirigenza: mancano di compatibilità economica
Martedì 23 Agosto 2016 14:43 PDF Stampa E-mail

mefff“Gli atti d’indirizzo così come formulati non possono essere valutati positivamente sotto il profilo della compatibilità economica”. Così il Mef nelle sue prime osservazioni, sui documenti per il rinnovo dei contratti del Comparto sanità e della Dirigenza Medica, Veterinaria e Sanitaria. Ma se questa è la valutazione, ad ora complessiva, il Mef segnala tutta una serie di criticità e correttivi da mettere in atto. In prima istanza c’è il nodo risorse. Il Mef evidenzia nel documento come “entrambi gli atti omettono di quantificare le risorse complessivamente disponibili per gli incrementi contrattuali” e il fatto che “i relativi oneri dovrebbero formare oggetto di appositi accantonamenti nei bilanci regionali” e di ciò “dovrebbe essere fornita assicurazione da parte del Comitato di Settore”. Ma dal Comitato di Settore non fanno drammi e già nelle prossime settimane saranno pronte le risposte alle osservazioni del Mef.

Leggi tutto...
 
Più prevenzione per Chikungunya, Dengue, Zika e West Nile: arriva una circolare congiunta Ministero Salute-Anci
Lunedì 22 Agosto 2016 16:54 PDF Stampa E-mail

zanzavettIl Ministero della Salute e l'Anci hanno emanato oggi una circolare, per intensificare le misure di prevenzione nei confronti delle malattie trasmesse da insetti vettori. Si tratta di malattie acute virali di origine tropicale, come Chikungunya, Dengue, Zika e West Nile, che sono trasmesse da zanzare del genere Aedes (le prime tre) o Culex e la cui sorveglianza, a livello nazionale è stabilita dalle circolari 16 giugno 2016 e 10 agosto 2016. Il periodo estivo coincide infatti con la maggior diffusione sia degli insetti vettori che dei viaggi all’estero, per cui aumenta il rischio di importazione di casi di queste malattie e la possibilità che si stabilisca un ciclo di trasmissione locale. La prevenzione si basa principalmente nell’effettuare piani di disinfestazione, applicando le linee guida specifiche in cui vengono definite in dettaglio le attività di sorveglianza entomologica. I Comuni sono responsabili di effettuare tempestivamente le attività per il controllo delle zanzare.

Leggi tutto...
 
Export prodotti origine animale verso Paesi terzi, Minsalute dispone monitoraggio del controllo ufficiale in 50 aziende
Martedì 23 Agosto 2016 11:51 PDF Stampa E-mail

controlli uffCon nota del 17 agosto 2016 il Ministero della Salute annuncia un monitoraggio del controllo ufficiale nella aziende autorizzate all’esportazione di prodotti di origine animale verso Paesi terzi. Con l’obiettivo di assicurare l’omogeneità di applicazione delle procedure di controllo e, nell’eventualità di programmare futuri interventi di formazione, il Ministero ha deciso infatti di integrare i controlli già in essere con il monitoraggio di 50 stabilimenti autorizzati all’esportazione, attraverso una serie di controlli sia di tipo ispettivo che analitico. Inoltre, per una migliore programmazione, gestione e rendicontazione, gli interventi sono stati ricompresi all’interno di un progetto. Le 50 aziende sono state selezionate nella lista delle 882 autorizzate all’export verso Paesi terzi, escludendo quelle autorizzate all’esportazione verso gli Usa, già sottoposte a vigilanza. Sono stati inclusi stabilimenti autorizzati alla produzione di prodotti a base di carne, lattiero-caseari e della pesca trasformati, omogeneamente ripartiti per regione.

Leggi tutto...
 
Anemia infettiva degli equidi, nota chiarimenti del Ministero sull’applicazione del Piano nazionale di sorveglianza
Lunedì 22 Agosto 2016 11:54 PDF Stampa E-mail

horses-1205145 1280-642x336L’11 agosto la Direzione generale della Sanità animale del Minsalute ha indirizzato ai servizi veterinari regionali una nota di chiarimenti in merito all’applicazione del decreto 2 febbraio 2016 recante “Piano nazionale per la sorveglianza ed il controllo dell’anemia infettiva degli equidi”. Nell’esaminare le modalità applicative del decreto insieme alle Regioni e gli Izs sono emerse alcune criticità cui il Ministero fornisce risposta e una serie di indicazioni. Nella nota si ricorda che il decreto è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 96 del 26 aprile 2016 e che il provvedimento, adottato in un contesto epidemiologico in cui negli ultimi anni si è assistito ad un mantenimento costante delle segnalazioni di casi di anemia infettiva a livello nazionale, mira a rendere praticabile l’esecuzione di un piano obbligatorio per la sorveglianza sanitaria dell’infezione con criteri uniformi per tutte le categorie di equidi e per tutte le tipologie di aziende detentrici sul territorio nazionale.

Leggi tutto...